giuliettedda
giuliettedda - Ominide - 31 Punti
Salva
1) identificazione come processo interpersonale.
2) identificazione come processo di piccolo gruppo.
3) identificazione e formazione dell'identità sociale.
Qualcuno sa rispondere a questi punti?

Aggiunto 23 ore 57 minuti più tardi:

Identificazione

Il termine identificazione indica sia l'attività diretta a stabilire l'identità di una persona sia il processo psicologico per cui un individuo si sente o si considera uguale a un altro, oppure tutt'uno con esso. Nel primo significato l'identificazione ha importanza soprattutto nel campo del diritto e della medicina legale. Sotto il profilo psicologico le prime identificazioni avvengono in età infantile, riguardando i genitori o anche aspetti parziali della loro personalità, e danno luogo a modificazioni dell'Io.
L'identificazione psicologica

L'identificazione rappresenta un processo psicologico altamente complesso che implica sia la capacità di identificare e quindi di riconoscere una determinata realtà, sia l'assunzione di un altro individuo come modello. Nella prima accezione, l'identificazione è un processo cognitivo che riguarda l'apprendimento (v.). Nella seconda accezione, in quanto processo di appropriazione di un'altra persona come modello parziale o globale, essa costituisce il dinamismo che fonda la costruzione dell'identità personale (v. anche sé).

Si tratta di un processo prevalentemente inconscio che, nella sua forma primaria, è finalizzato alla capacità di distinguere la propria identità da quella delle altre realtà e precede l'acquisizione della distinzione tra Io e Tu. Questo tipo di identificazione caratterizza la prima infanzia e soprattutto la relazione con la figura materna. Successivamente, si instaura la modalità secondaria che consente l'identificazione e poi la differenziazione dalle figure genitoriali e la strutturazione del complesso edipico (v. complesso), la cui risoluzione fa emergere la propria soggettività. Infatti, in questo stadio si passa da un investimento affettivo indifferenziato su di un oggetto 'totale' all'identificazione, e cioè alla dinamica per la quale il soggetto si costituisce sul modello dei genitori o di altre figure dell'ambiente. Ciò avviene mediante la capacità di successive separazioni-differenziazioni e nuove identificazioni. Inoltre, nel corso del processo di identificazione secondaria, quest'ultima acquista anche la valenza di meccanismo di difesa, poiché, riducendo la distanza tra sé e gli oggetti, permette di negare la propria separazione da essi. Freud (1917) descrive come esempio tipico dell'identificazione, in quanto meccanismo di difesa, l'esperienza del lutto, ove l'oggetto perduto, proprio attraverso la negazione dell'esperienza di separazione e di perdita, può continuare a vivere nel mondo interno dell'Io.

Tra le diverse modalità di identificazione, nello stadio orale predomina l'incorporazione (Freud 1912-13), che media il processo stesso dell'identificazione con l'immagine del corpo. Infatti, l'incorporare è un ingerire, divorare, conservare dentro il proprio corpo degli oggetti in modo simbolico. Questa modalità, anche se primariamente e prevalentemente riguarda la cavità orale, può riprodursi nel corso della vita anche su altri organi, per es. l'incorporazione a livello fantasmatico mediante la respirazione (Anzieu 1985) oppure la visione. Per quanto riguarda il rapporto tra identificazione e costruzione della soggettività, va senz'altro acquisito il contributo di J. Lacan (1949) che descrive il cosiddetto stadio dello specchio come momento genetico fondamentale della costruzione del primo abbozzo dell'Io. In questo stadio il bambino, che si trova ancora in uno stato d'impotenza e di scarsa coordinazione motoria, percepisce nell'immagine dei propri simili, oppure nella propria immagine speculare, una configurazione che gli consente di anticipare con l'immaginazione quella unità e autonomia corporea di cui obiettivamente è ancora privo. In altri termini, egli si identifica con questa immagine, che diviene l'esperienza profonda dell'Io ideale e la fonte dell'identificazione secondaria. Lacan paragona tale dinamica a quella di un bambino il quale, accompagnato dinanzi a uno specchio, dapprima si comporta come se l'immagine riflessa fosse reale e quindi cerca di afferrarla. Successivamente, si rende conto che non si tratta di una realtà bensì di un'immagine e infine comprende che questa immagine è la sua ed è distinta da quella dell'adulto che lo ha accompagnato di fronte allo specchio.

Infine, merita di essere sottolineata la descrizione fatta da A. Freud (1936) dell'identificazione con l'aggressore come uno specifico meccanismo di difesa: un soggetto che, in contesti diversi (aggressione fisica, critica da parte di un'autorità, disapprovazione sociale) si sente aggredito, tende a difendersi identificandosi inconsciamente con la fonte dell'aggressione e operando quindi un'inversione dei ruoli. Questo processo può avvenire assumendo sia un comportamento aggressivo, sia invece alcuni simboli di potere usati dall'aggressore (per es., insegne, tono della voce ecc.), e avrebbe inoltre un ruolo molto importante nella costruzione del Super-Io o istanza morale. R. Spitz (1957) utilizza il concetto di identificazione con l'aggressore allo scopo di spiegare l'acquisizione verbale e gestuale della capacità di dire 'no', che egli situa verso il 15° mese di vita e che è di fondamentale importanza per la costruzione dell'identità soggettiva. La riflessione psicoanalitica ha poi consentito di rilevare l'importanza dell'identificazione nella psicodinamica della socializzazione. È infatti attraverso un processo di identificazione che il bambino, nel rispondere alle attese dei genitori e, più ampiamente, nel rapporto di interdipendenza con le sollecitazioni dell'ambiente adulto, assume gradualmente un ruolo sociale (Ugazio 1990). Inoltre, tramite lo stesso processo si struttura il senso di appartenenza al gruppo, proprio nella misura in cui ogni membro si identifica con quella che viene chiamata la cultura del gruppo (norme, valori, atteggiamenti). Infine è stato studiato anche come l'identificazione possa divenire uno strumento che, soprattutto nella fase adolescenziale-giovanile, consente di accrescere la propria autostima, identificandosi con un determinato modello al quale si attribuisce un significato altamente pregnante (Lutte 1987).

fonti: ****.it enciclopedia

La formazione dell'identità

Il processo di formazione dell'identità si può distinguere in quattro componenti: di identificazione, di individuazione, di imitazione e di interiorizzazione. Con la prima il soggetto si rifà alle figure rispetto alle quali si sente uguale e con le quali condivide alcuni caratteri; produce il senso di appartenenza a un'entità collettiva definita come "noi" (famiglia, patria, gruppo di pari, comunità locale, nazione fino ad arrivare al limite all'intera umanità). Con la componente di individuazione il soggetto fa riferimento alle caratteristiche che lo distinguono dagli altri, sia dagli altri gruppi a cui non appartiene (e, in questo senso, ogni identificazione/inclusione implica un'individuazione/esclusione), sia dagli altri membri del gruppo rispetto ai quali il soggetto si distingue per le proprie caratteristiche fisiche e morali e per una propria storia individuale (biografia) che è sua e di nessun altro. Attraverso l'imitazione, che è intesa come attività di riproduzione conscia e inconscia di modelli comportamentali, l'individuo si muove in maniera differente all'interno della società a seconda del contesto sociale in cui si trova. Infine, l'interiorizzazione permette al soggetto di creare un'immagine ben precisa di sè grazie all'importanza che hanno i giudizi, gli atteggiamenti, i valori e i comportamenti degli altri sui noi stessi.
Identità multiple

Tutti noi rivestiamo più ruoli, di conseguenza abbiamo un'identità multipla, definita come identità sociale.

È opportuno, infatti, chiarire che l'identità è contestuale e relazionale, cioè essa può variare in base al contesto, al ruolo che si intende assumere in tale contesto ed alla posizione, autodeterminata o meno, che si gioca (o ci viene fatta giocare dagli altri con le loro identità) all'interno della rete di relazioni e percezioni (simmetriche ed asimmetriche) al cui interno ci si trova inscritti ed attivi.

Esempio: Quando attraverso la dogana quella che conta è la mia identità nazionale e non quella religiosa o professionale.

Proprio per questa molteplicità, perché possa essere compreso il concetto di identità è necessario assumere, allora, che vi debba essere un elemento di riferimento: l'alterità.

Fonti : Wikipedia
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

ciampax

ciampax Tutor 29109 Punti

VIP
Registrati via email