davidefilippi99
davidefilippi99 - Erectus - 50 Punti
Salva
Help!!!!!!!!!!!!!!! Green economy U.S.A.: ricerca inquinamento ambientale e economia sulle energie non inquinanti! degli stati uniti d'america!
umy
umy - Erectus - 137 Punti
Salva
Solo dagli anni '70 del secolo scorso si è iniziato a prendere il problema in seria considerazione; non più solo dagli ambientalisti, ma anche dalle istituzioni internazionali. Da allora si è cercato di regolamentare e limitare i danni che l'uomo provoca. La conferenza di Stoccolma nel 1972 introduce il concetto di “sostenibilità ambientale.” Si è consapevoli che lo stile di vita improntato sulla crescita “sempre e comunque”, aumenta il livello di inquinamento nella terra. Se si vuole porre un freno al fenomeno è necessario un ripensamento non solo delle singole azioni, ma di uno stile di vita differente, improntato su un nuovo modello di sviluppo che sia sostenibile con l'ambiente di cui anche l'uomo è parte.
Esistono vari tipi di inquinamento: aria, acqua, suolo, chimico, acustico, elettromagnetico, luminoso, termico, genetico, nucleare. A seconda della causa: naturale, domestico, architettonico, urbano, agricolo, industriale, biologico. Anche se esistono cause naturali che possono provocare alterazioni ambientali negative, il termine inquinamento si riferisce in particolare alle attività antropiche, cioè quelle provocate dall'uomo.
Si parla di inquinamento quando l'alterazione ambientale compromette l'ecosistema danneggiando una o più forme di vita. Una parte consistente dell'inquinamento è rappresentata dalla produzione, il trasporto, l'utilizzo e l'immissione nell'ambiente di diversi composti chimici di sintesi, che costituiscono una minaccia per la salute umana e ambientale. Secondo le organizzazioni ambientaliste le industrie chimiche producono ogni anno migliaia di composti sulla cui tossicità e reale impatto sanitario e ambientale mancano adeguate informazioni scientifiche, lamentando la mancanza di informazioni relative all'impatto chimico sulla salute umana e sull'ambiente. Fra le sue cause principali dell'inquinamento del suolo ci sono: i rifiuti non biodegradabili, acque di scarico, prodotti fitosanitari, fertilizzanti, idrocarburi, diossine, metalli pesanti, solventi organici.
Questo tipo di inquinamento porta all'alterazione dell'equilibrio chimico-fisico e biologico del suolo, lo predispone all'erosione e agli smottamenti e può comportare l'ingresso di sostanze dannose nella catena alimentare fino all'uomo. Le sostanze che raggiungono le falde acquifere sotterranee, inoltre, possono danneggiare il loro delicato equilibrio. Le interferenze con queste ultime possono manifestarsi e, di conseguenza, causare alterazioni pericolose nelle acque potabili, e quindi in quelle utilizzabili dall'uomo.
Negli ultimi decenni ci si è resi conto che alcuni tipi di inquinamento locale costituiscono un problema globale. Per esempio l'attività umana, soprattutto i test nucleari, hanno consistentemente alzato il livello di radiazione di fondo in tutto il mondo, con conseguenze per la salute umana e non solo.
Esiste poi uno stretto legame anche tra inquinamento ed energia. Il consumo di energia infatti provoca inquinamento - sotto forma di CO2 e altri gas a effetto serra - indotto dalla produzione di energia elettrica. Nel corso degli ultimi due secoli è soprattutto l’uomo che ha contribuito al riscaldamento della Terra. Una grande quantità di combustibili fossili, come ad esempio il carbone o il petrolio, è quotidianamente bruciata ed espulsa nell’atmosfera sotto forma di gas ad effetto serra, nocivi per il clima. La maggior parte della CO2 è prodotta dal settore energetico, e le centrali a carbone hanno un ruolo preponderante in questo settore. La consapevolezza delle gravi conseguenze dovute all'inquinamento, ha portato alla nascita di un movimento ambientalista che cerca di sensibilizzare e limitare l'impatto umano sull'ambiente. Sono stati dimostrati i legami tra agenti inquinanti e salute umana, in particolare con alcune malattie come: cancro, lupus, disturbi del sistema immunitario, allergie e asma. Secondo i dati comunicati dagli esperti della Commissione Ue, proprio l'asma e le allergie rappresentano le malattie croniche più diffuse in Europa. Particolarmente responsabili, gli inquinanti atmosferici - detti primari - che sono emessi nel corso dei processi di combustione di qualsiasi natura: il monossido di carbonio, il biossido di carbonio, gli ossidi di azoto, le polveri, l'anidride solforosa.
Gli inquinanti primari, dopo l'emissione, sono soggetti a processi di diffusione, di trasporto, di deposizione e subiscono inoltre dei processi di trasformazione chimico - fisica che possono portare alla formazione degli inquinanti secondari, che sono nuove specie chimiche che spesso risultano più tossiche e di più vasto raggio d'azione dei composti originari. Questa catena di reazioni porta alla produzione di: ozono, idrocarburi ossidati, aldeidi, perossidi, acidi nitriloperacetici (PAN). L'insieme dei prodotti di queste reazioni viene definito smog fotochimico, che rappresenta una delle forme di inquinamento più dannose per la salute e l'ecosistema.
Da 50 anni a questa parte, l'attività umana ha portato una contaminazione radioattiva su tutto il pianeta, principalmente dovuta alle ricadute degli esperimenti atomici, dei disastri nucleari come Chernobyl. L'utilizzo di armi a base di uranio impoverito è per molti responsabile di numerose malattie che hanno colpito militari impiegati in zone di guerra e persone civili che abitano vicino a poligoni militari dove si sperimentano nuove armi come quello del Salto di Quirra in Sardegna.
Una categoria particolarmente a rischio per i danni provocati dall'inquinamento è quella dei bambini. Secondo uno studio del 2004 dell'Organizzazione mondiale della Sanità, una delle cause maggiori di morte dei bambini in Europa è l’inquinamento ambientale.
L'inquinamento è quindi globale e trasversale: abbraccia numerose aree. Gioca, quindi, un ruolo fondamentale sia nell'ambiente che nello sviluppo. Tra gli altri temi, si è discusso anche di inquinamento a partire dal 1972, quando oltre cento delegazioni provenienti da tutto il mondo parteciparono alla Conferenza dell'Onu sull'ambiente - tenutasi a Stoccolma - e firmarono una Dichiarazione (in .pdf) di 26 principi. In quell’ occasione nacque il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite UNEP.
Nel 1987, invece, s’introdusse il termine di “sviluppo sostenibile” attraverso il rapporto della Commissione ONU Ambiente e Sviluppo conosciuto come Rapporto Burtland - lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri. Esso si basa sul principio della precauzione: non si possono prevedere gli effetti sull’ecosistema derivanti dalla perdita delle risorse. La necessità di individuare un percorso universale per costruire uno sviluppo sostenibile porta la comunità internazionale a riunirsi nel 1992 a Rio de Janeiro.
I rappresentanti dei governi di oltre 150 paesi e oltre 1000 Organizzazioni Non Governative, riconoscono che le problematiche ambientali devono essere affrontate in maniera universale e che le soluzioni devono coinvolgere tutti gli Stati. Vengono negoziate e approvate tre dichiarazioni di principi (Dichiarazione di Rio, Principi sulle foreste, Agenda 21), e firmate due convenzioni globali (cambiamento climatico e biodiversità). Per sovrintendere all'applicazione degli accordi nasce la Commissione per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite con il mandato di elaborare indirizzi politici e promuovere partenariati tra governi e gruppi sociali.
La conferenza di Rio, assume grande importanza anche perché in questa occasione si confrontarono per la prima volta. Sommariamente vi sono state due visioni di “sviluppo”. Il Nord assegnava la priorità all’ambiente nel suo complesso, cercando di indurre il Sud a non commettere gli stessi errori salvaguardando le risorse naturali a vantaggio dell’intero pianeta. Il Sud attribuiva priorità al proprio sviluppo come via d’ uscita da fame, malattie, guerre, incompatibili con la tutela ambientale. La risoluzione finale fu un tentativo di compromesso.
Queste due visioni, ancor’oggi, continuano ad essere riproposte con forza nelle conferenze dell’Organizzazione Mondiale del Commercio bloccando, di fatto, ogni tentativo di accordo. In verità di bloccato sembra il pensiero in quanto il nord non sembra voler/saper ridurre la propria impronta ecologica pur consapevole dell’insostenibilità e gli emergenti come Brasile, Cina ed India vorrebbero più esempio e meno moralismo.
TeM
TeM - Eliminato - 23454 Punti
Salva
umy, intervengo per fare presente a te (e a tutti gli altri utenti) che è doveroso citare le fonti da
cui si è fatto copia-incolla. In questo caso lo faccio io: qui(click) la fonte del testo di cui sopra.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Registrati via email