shark
shark - Genius - 8072 Punti
Rispondi Cita Salva
ragazzi domani ho un test (d'ingresso) di italiano e la prof ha kiesto di rieptere queste cose ma nn sò dove trovarla voi???
METRICA(ENDECASILLABO)
RETORIKE
COMPOSIZIONE LIBERA
SONETTO
CANZONE
raga se potete spiegarmi qlk:S....grazie in anticipo ciauuuuuuuu
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Metrica endecasillabo?
Cioè misurazione di un verso?

Dopo te li scrivo io...
shark
shark - Genius - 8072 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Allora per definizione un endecassilabo è un verso il cui ultimo accento tonico cade sulla 10^ sillaba. Questo viene stabilito da un analisi specifica che si sviluppa in 3 passaggi:
1)NUMERO COMPLESSIVO DELLE SILLABE
2)FENOMENI DERIVANTI DAGLI INCONTRI VOCALICI
3)PAROLA FINALE
Ma cos'è il verso?
Il verso è l'unità della poesia e in base all'ultimo accento tonico e agli incontri vocali tra le parole si puo stabilire la misura del verso preso in considerazione.

1) NUMERO COMPLESSIVO DELLE SILLABE... Innanzitutto per analizzare un verso lo devi dividere in sillabe;

2) FENOMENI DERIVANTI DAGLI INCONTRI VOCALICI... All'interno di una parola oppure tra due parole a volte è possibile che vocali per esempio si uniscano in un unico suono o si dividano, se vengono pronunciate insieme...
I fenomeni derivanti dagli incontri vocalici sono quattro:
1)SINALEFE
2)DIALEFE
3)DIERESI
3)SINERESI

I primi due casi si hanno solo quando si unisce o si divide il suono, la pronuncia dell'ultima lettera di una parola (che è una vocale) con la prima lettera della parola seguente (anch'essa vocale).
Se si ha la sinalefe queste due vocali si uniscono in un unico suono in modo tale da formare un'unica sillaba.

Per esempio..
spa/glia im/me/mo/re
In questo caso la sillaba finale "glia" si lega alla sillaba iniziale della parola seguente "im". Questo perchè la a di "glia" forma con la i di "im" un unico suono. Conseguenza: ci sono tante sillabe in meno quante sono le sinalefe che si verificano.

Se si ha la dialefe invece c'è il processo contrario. I suoni non si vanno ad unire ma si formano due suoni nettamente staccati, due sillabe appunto. Il numero di sillabe resta invariato.

La sinalefe rappresenta la regola, cioè di solito si verifica sempre la sinalefe, mentre la dialefe rappresenta l'eccezzione.

La dieresi e la sineresi sono anche essi fenomeni derivanti dagli incontri vocali però non funzionano come la sinalefe e la dialefe perchè, anzichè avvenire tra le vocali finali e iniziali delle parole, avviene all'interno della stessa parola.

Se c'è la sineresi avviene la fusione dei suoni nella stessa parola mentre se c'è la dieresi questa unione non avviene. La dieresi la riconosci perchè è rappresentata dai due puntini sulla vocale interessata.

Poi c'è la parola finale.
Tutte le parole possono essere di tre tipi:
1)piane, la maggiorparte delle parole sono piane, e sono quelle parole il cui accento tonico cade sulla penultima sillaba
2)tronca, parola il cui accento tonico cade sull'ultima sillaba
3)sdrucciola. parola il cui accento tonico cade sulla terzultima sillaba.

Attraverso l'analisi della parola finale possiamo dedurre anche di che verso si tratta:
Se un verso si conclude con una parola piana, non ci saranno sillabe in più perchè prendendo in considerazione per esempio un settenario (7 sillabe) l'ultimo accento tonico (l'accento tonico della parola finale) cade sulla penultima sillaba, cioè sulla sesta.
Se un verso si conclude invece con una parola tronca ci sarà una sillaba in meno erchè prendendo in considerazione per esempio un settenario (7 sillabe) l'ultimo accento tonico (l'accento tonico della parola finale) cade sull'ultima sillaba, quindi sulla sesta anche essa, anche se non ha altre sillabe dopo.
Se invece si conclude con una parola sdrucciola, ci saranno ben due sillabe in più perchè prendendo in considerazione per esempio un settenario (7 sillabe) l'ultimo accento tonico (l'accento tonico della parola finale) cade sulla terzultima sillaba perciò sulla sesta e poi ha una sillaba in più.

Quindi i versi possono essere di tre tipi (prendendo in considerazione l'endecasillabo):
1)endecassilabo piano con 11 sillabe, quindi l'ultimo accento tonico cade sulla 10 sillaba (nessuna sillaba in +)
2) endecassilabo tronco con 10 sillabe, quindi l'ultimo accento tonico cade sulla 10 sillaba (ha una sillaba in meno)
3) endecassilabo sdrucciolo con 12 sillabe, quindi l'ultimo accento tonico cade sulla 10 sillaba (ha una sillaba in +)...

Il sonetto è un componimento poetico e metrico composto da 14 endecasilabi organizzati in due terzine e due quartine
Le terzine possono essere legate tra loro da una rima:
-ripetuta
A
B
C
A
B
C

-invertita
A
B
C
B
A
C

-invertita simmetrica
A
B
C
C
B
A

Le quartine invece da una rima:
-alternata
A
B
A
B

-incrociata o chiusa
A
B
B
A


Per la canzone vai qua


Se ci sono dubbi chiedi solo a me... thanks!!
shark
shark - Genius - 8072 Punti
Rispondi Cita Salva
grazieeeeeeeeeeeee...sempre perfetta:)
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Perfetto non direi, è un riassunto di tutto! Chiudo, prego ;)
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

strategeek

strategeek Geek 46 Punti

VIP
Registrati via email