Metallaro93
Metallaro93 - Sapiens - 720 Punti
Rispondi Cita Salva
Mi serve x il tema di domani....mi raccomando risposte serie....mi potreste dire le differenze fra 2 città....new york e firenze...da tt i punti di vista....anke tra i 2 tipi di vità del cittadino...mi serve x un tema quindi ringrazio sopratt x le risp abb rielaborate.....
sedia90
sedia90 - Genius - 9848 Punti
Rispondi Cita Salva
NEW YORK
New York (detta anche, in italiano, Nuova York) è la città più popolosa degli Stati Uniti d'America, situata nell'omonimo stato, che ha per capitale Albany. Si tratta di una delle città più importanti e conosciute nel mondo.

New York conta oltre 8 milioni di abitanti, che originariamente erano detti "Knickerbockers", distribuiti su un'area di 786 km² divisa amministrativamente nei 5 "distretti" o "circoscrizioni" (boroughs) di Manhattan, Bronx, Queens, Brooklyn e Staten Island, che a loro volta sono divisi in decine di quartieri.

Un "sesto distretto" è di fatto costituito da un continuum di città dello stato del New Jersey (tra cui Jersey City, Newark, Hoboken), che essendo disposte sulla riva occidentale del fiume Hudson, si affacciano direttamente sull'isola di Manhattan, estesa sulla riva orientale. Considerando questo "distretto" aggiuntivo, che non può essere incluso amministrativamente nella città poiché appartenente a un altro stato, la popolazione risulta essere di quasi 10 milioni di abitanti.

L'intera area metropolitana si estende su tre stati (New York, New Jersey e Connecticut) e conta circa 21 milioni di abitanti, risultando così ancora oggi una delle più popolate al mondo.

Vi si trova il Palazzo di Vetro, sede centrale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

La città viene amministrata secondo uno statuto stabilito dall'assemblea legislativa dello Stato di New York. Per quanto soggetta allo stato, la città gode di un elevato grado di autonomia legislativa ed esecutiva. Come in gran parte degli Stati Uniti, il governo cittadino si articola in un ramo esecutivo, uno legislativo ed uno giudiziario.

Il potere esecutivo è affidato al sindaco, che viene scelto tramite un voto popolare diretto. Il sindaco attuale è Michael Bloomberg, un ex democratico eletto per i Repubblicani, la prima volta nel 2001 e poi nel 2005, con il 59% dei voti. Durante il primo mandato Bloomberg ha preso il controllo del sistema educativo cittadino dallo Stato, ha condotto un'aggressiva politica di sanità pubblica, soprattutto ha contribuito a far ripartire l'economia cittadina dopo l'11 settembre. Le priorità principali del suo secondo mandato sono la politica restrittiva sulle armi da fuoco e la riforma scolastica.

Il potere legislativo è esercitato da un Consiglio cittadino di 51 membri, ciascuno dei quali rappresenta un distretto elettorale di circa 160.000 persone. Sia il sindaco che il consiglio restano in carica 4 anni: le ultime elezioni si sono tenute nel 2005.

Dal punto di vista giudiziario, poiché New York si estende su 5 diverse contee (corrispondenti alle 5 circoscrizioni o boroughs), essa è leggermente anomala rispetto al resto degli Stati Uniti: la giustizia penale, infatti, viene esercitata dalle Corti delle singole contee, mentre la giustizia civile viene esercitata da un'unica Corte; inoltre alcuni giudici vengono nominati dal sindaco per periodi di 10 anni, anziché essere eletti.

I dipartimenti più noti dell'amministrazione cittadina sono quello della polizia e i vigili del fuoco.

La città è tradizionalmente controllata dal Partito Democratico. I Democratici controllano la maggioranza degli uffici elettivi e l'87% degli elettori si registrano come Democratici. Lo Stato è meno liberal.

La New York City Hall è la sede del governo cittadino e luogo di riunione del Consiglio. L'ufficio del sindaco si trova, assieme a circa altre tredici agenzie comunali, nel vicino Manhattan Municipal Building, uno degli edifici amministrativi più grandi del mondo. Praticamente tutti coloro che rivestono cariche nello Stato di New York, compreso il Governatore e il Procuratore Generale, hanno uffici a Manhattan e lo stesso si può dire per entrambi i senatori degli Stati Uniti eletti nello Stato. Essendo sede delle Nazioni Unite, New York ospita anche il corpo consolare più ampio tra tutte le città del pianeta.

Poiché lo stato di New York, soprattutto grazie all'elettorato di New York City, assegna ampie maggioranze ai Democratici nelle elezioni nazionali, molti osservatori ritengono che la città conti poco nelle elezioni presidenziali. Essa, comunque, è la più importante fonte di finanziamenti alla politica di tutti gli Stati Uniti. Dei cinque codici d'avviamento postale più generosi nei contributi, quattro sono a Manhattan. Il più generoso in assoluto è il 10021, nell'Upper East Side e, nella campagna presidenziale del 2000, è stato il principale finanziatore sia per George W. Bush che per Al Gore.

FIRENZE
Firenze Città dell'Italia centrale, capoluogo di provincia e della regione Toscana, attraversata dall'Arno. Si estende in parte sui colli che la circondano a nord, est e sud, mentre nella piana del Valdarno inferiore le espansioni più recenti formano con Prato, Pistoia ed Empoli una conurbazione attorno al milione di abitanti. L'economia di Firenze, che ha un consistente apparato industriale che si estende nelle aree periferiche (metallurgia, meccanica di precisione, chimica, farmaceutica, elettrotecnica, tessili, abbigliamento, calzature ecc.), riunisce nel centro storico (abitato da meno di 40.000 persone) funzioni amministrative e soprattutto culturali, nell'ambito delle quali la città svolge un ruolo di levatura internazionale.

Anche il turismo, di dimensioni tanto ingenti da alimentare sia un vivace commercio sia un robusto e prestigioso artigianato, ha il suo primario campo d'azione nel nucleo storico, concentrazione di opere d'arte con pochi rivali al mondo e area urbana tra le più visitate dagli italiani come dagli stranieri (inglesi, specialmente, per una tradizione che risale al Grand Tour del Settecento). Non è tuttavia solo per l'arte, l'artigianato e la densa atmosfera culturale in cui Firenze è immersa che "molti di lontani paesi", come scriveva Dino Compagni nel primo Trecento, "la vengono a vedere". È anche per il fascino che le sue strade e le sue piazze, animate da una vitalità che è pure tra i caratteri precipui della città, costantemente sprigionano.

2 URBANISTICA E LUOGHI DI INTERESSE

L'intera città storica è nel suo insieme un luogo di interesse. Delimitata dai cosiddetti "viali" (sul tracciato delle mura medievali demolite nel 1865-1869), include pressoché tutti i più importanti beni culturali di Firenze, dal 1982 dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. Apre la rassegna, necessariamente ristretta, il centralissimo Duomo, affiancato dal Campanile di Giotto e fronteggiato dal battistero di San Giovanni (di datazione incerta – venne probabilmente costruito fra l'XI e il XII secolo – fu riconsacrato nel 1509), assai noto anche per le porte bronzee di Lorenzo Ghiberti e Andrea Pisano. Seguono nel quadrante nordorientale: il Palazzo Medici-Riccardi, di Michelozzo (realizzato a partire dal 1444), con cappella interna affrescata (tra il 1459 e il 1460) da Benozzo Gozzoli; la basilica di San Lorenzo (del 1442-1446), di Brunelleschi, che gli interventi di Donatello (Sagrestia Vecchia) e Michelangelo (Sagrestia Nuova) resero ancor più preziosa; il Museo di San Marco, di grande richiamo per i capolavori del Beato Angelico, il quale nel convento omonimo visse tra il 1438 e il 1446 con il nome di fra Giovanni da Fiesole; la Galleria dell'Accademia, sorta di museo michelangiolesco che accoglie, tra gli altri lavori, anche il celebre David (1501-1504) e l'armoniosa piazza rinascimentale della Santissima Annunziata, ridefinita nelle linee urbanistiche da Brunelleschi.

La centralità politico-culturale di piazza della Signoria (a sud del Duomo) è ribadita dal Palazzo Vecchio, eretto a partire dal 1299 (residenza dei Medici dal 1540 al 1565, ospitò il Parlamento italiano negli anni di Firenze capitale e dal 1872 è sede del municipio), e dalla vicina insigne Galleria degli Uffizi, in prossimità della quale si trovano il Museo del Bargello e la trecentesca basilica di Santa Croce (con facciata del 1863), pantheon di uomini illustri, con l'adiacente Cappella Pazzi di Brunelleschi. L'Oltrarno, cui si perviene per il Ponte Vecchio (costruito nel XIV secolo), vanta il grande complesso museale del quattrocentesco Palazzo Pitti (con capolavori di Cimabue, Filippo Lippi, Giovanni Bellini, Giorgione, Raffaello, Tiziano, Veronese, Gian Lorenzo Bernini, Antonio Canova) e, sul retrostante declivio collinare è il giardino di Boboli, di fondazione cinquecentesca; sempre in Oltrarno, non distanti dall'aristocratica via Maggio, si segnalano la chiesa rinascimentale (opera di Filippo Brunelleschi) di Santo Spirito e quella (rifatta nel 1771) del Carmine, con affreschi di Masolino, Masaccio e Filippino Lippi.

Nel quadrante nord-ovest sorgono il Palazzo Strozzi (realizzato in esemplari forme rinascimentali fra il 1489 e il 1504) e Santa Maria Novella, con facciata trecentesca che nel 1458 Leon Battista Alberti riconfigurò nel gusto rinascimentale. Da citare, sulla collina a sud-est, il piazzale Michelangelo, che offre il più classico panorama della città, e San Miniato al Monte, tra le prime espressioni (fu iniziata nel 1018) del romanico in Toscana. Fiesole, infine, 8 km a nord-est, è uno dei centri più pittoreschi tra quelli situati nei dintorni collinari di Firenze.

3 STORIA

Fondata nel 59 a.C. come colonia romana con il nome Florentia, la città non ebbe un ruolo di particolare rilievo nell'età antica né in quella altomedievale, quando capoluogo della Tuscia (sotto bizantini, longobardi e franchi) era Lucca. A darle importanza fu, nell'XI secolo, il processo di formazione delle autonomie comunali, che ne accelerò l'evoluzione politica ed economica facendone uno dei centri più vivaci della regione. Sconfitta da Siena a Montaperti nel 1260, vittoriosa su Arezzo a Campaldino nel 1289, Firenze assunse presto il comando della coalizione guelfa in Toscana e, seppur lacerata da violenti contrasti sociali interni, accentuò la politica di espansione che la condusse nel 1406 alla conquista di Pisa e dello sbocco sul mare.

Il XV secolo vide la città assurgere al ruolo, che mantenne fino ai primi decenni del XVI, di guida indiscussa dello sviluppo della civiltà: un ruolo anticipato da geniali personalità quali Dante e Giotto, e consacrato da uno stuolo di architetti, pittori e scultori (da Filippo Brunelleschi a Leon Battista Alberti e a Michelozzo, da Masaccio a Paolo Uccello, a Sandro Botticelli e a Benozzo Gozzoli, da Donatello a Lorenzo Ghiberti, a Luca della Robbia e a Michelangelo) tanto eminenti da non avere riscontro in nessun’altra città. Ma fu anche, il XV, il secolo in cui gli ordinamenti comunali dovettero lasciare il posto alla signoria dei Medici che, nel Cinquecento, superati i due tumultuosi periodi di ripristino della repubblica (1494-1512 e 1527-1530), portò Firenze all'annessione dello stato senese nel 1557 e, nel 1569, al rango di capitale del Granducato di Toscana.

Estintasi nel 1737 la dinastia medicea e passato il granducato ai Lorena (fu allora che Anna Maria Luisa, sorella dell'ultimo Medici, pattuì col nuovo granduca che le grandi raccolte d'arte di Firenze non dovessero lasciare la città), ad acquisire speciali meriti tra gli esponenti della nuova casata fu Pietro Leopoldo (1765-1790), con un'intensa azione riformatrice in campo economico, civile, culturale. Gli ultimi granduchi furono Ferdinando III, cui il congresso di Vienna restituì nel 1815 il potere strappatogli da Napoleone, e Leopoldo II, che una grande dimostrazione popolare dei fiorentini il 27 aprile 1859 costrinse all'abdicazione.

Capitale d'Italia dal 1865 al 1870, la città fu interessata da un’intensa serie di interventi urbanistici (non sempre felici) cui seguirono le espansioni del Novecento (i 114.500 residenti del 1860 erano già saliti a 205.500 nel 1901): il secolo della Firenze protagonista degli eventi drammatici dell'agosto 1944 (liberazione della città dalle forze nazifasciste; vedi Seconda guerra mondiale) e del novembre 1966 quando, per salvare i suoi tesori artistici e culturali devastati da una rovinosa alluvione dell'Arno, si prodigarono migliaia di giovani (i cosiddetti "angeli del fango";) accorsi da ogni parte del mondo.
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
spostate nella sezione italiano...
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

nemo0772

nemo0772 Blogger 57 Punti

VIP
Registrati via email