federica90GG
federica90GG - Genius - 7940 Punti
Rispondi Cita Salva
caratteristiche dell acqua...
MARTINA90
MARTINA90 - Genius - 4929 Punti
Rispondi Cita Salva
Le caratteristiche dell'acqua


Per stabilire gli standard di qualità delle acque potabili è bene considerare vari fattori:

l'acqua è un ottimo solvente ed è impossibile trovarla in natura completamente "pura";
la presenza nell'acqua potabile di determinati componenti, entro specifici limiti di concentrazione, ne costituisce pregio, perché, oltre a conferire caratteristiche organolettiche positive, contribuisce a rendere l'acqua una sostanza con proprietà nutritive;
la quantità di acqua ingerita giornalmente dall'uomo si aggira sui 2 kg circa ed è preceduta solo dall'aria (15 kg ca.) e seguita dal cibo vero e proprio con 1,5 kg ca; se ne deduce che l'acqua, ove non sia sana dal punto di vista chimico e batteriologico, può risultare facile veicolo per malattie infettive e provocare in generale danni all'organismo.

Il decreto legislativo n.31 del 2 febbraio 2001, che attualmente regola la normativa in materia, sancisce che le acque destinate al consumo umano "non devono contenere microrganismi e parassiti, né altre sostanze, in quantità o concentrazioni tali da rappresentare un potenziale pericolo per la salute umana".

In base alla definizione di acqua destinata al consumo umano si può affermare che un'acqua non è adatta all'uso potabile quando:

vi è uno scostamento dallo stato in cui si trova nell'ambiente naturale;
vi è la presenza di sostanze chimiche tossiche;
vi è la presenza di agenti biologici nocivi.
La normativa affronta inoltre altri aspetti della materia quali:

la definizione di "impianto di distribuzione domestico";
i punti di rispetto dei parametri stabiliti;
la garanzia di qualità del trattamento, delle attrezzature e dei materiali;
la frequenza con cui devono essere effettuati i controlli.


vai nei seguenti siti:
http://www.alfanet.it/welcomeitaly/paginaecologia/acqua.html
http://www.medicinaecologica.it/Acqua%20Potabile%20-%20Educazione%20Alimentare.htm
http://www.ips.it/scuola/concorso_99/acqua_1/Framecaratt.html
http://www.aqp.it/portal/page?_pageid=33,188885&_dad=portal&_schema=PORTAL
http://it.wikipedia.org/wiki/Acqua
http://www.ato.genova.it/emiliani%20per%20web/l'inquinamento.htm fatto bene


Le caratteristiche chimico-fisiche dell'acqua. Composto chimico di formula H2O, anche se ci appare il più comune dei composti essa ha una grande importanza per lo sviluppo della vita grazie alle sue proprietà fisico-chimiche. Che l'acqua fosse costituita da idrogeno e ossigeno venne provato per la prima volta meno di due secoli or sono, nel 1781, da Cavendish, il quale dimostrò la formazione di acqua allorché l'idrogeno bruciava combinandosi con l'ossigeno dell'atmosfera. Il fatto che l'acqua sia formata da molecole costituite ciascuna da due atomi di idrogeno e da uno di ossigeno venne poi definitivamente accertato solo nei primi decenni del secolo scorso. La molecola dell'acqua presenta un caratteristico insieme di proprietà fisiche e chimiche che rende tra l'altro possibili i fenomeni biochimici e con essi la vita di tutti gli organismi animali e vegetali. Dal punto di vista chimico, è un composto molto stabile che solo a temperature superiori ai 1500 C comincia a decomporsi sensibilmente in idrogeno e ossigeno; la dissociazione diviene praticamente completa solo a temperature molto più elevate, oltre i 3000 C. Nella molecola H2O i due atomi di idrogeno si trovano alla distanza di 0,95 da quello di ossigeno, rispetto al quale sono disposti in modo da formare un angolo prossimo ai 105. Le due coppie di elettroni che legano i due atomi di idrogeno a quello di ossigeno risultano spostate verso l'atomo di ossigeno (a causa dell'attrazione del doppietto di elettroni dell'ossigeno) per cui esso presenta una frazione di carica negativa, e i due di idrogeno una frazione di carica positiva: ne deriva cioè una struttura che si dice dipolare. Di conseguenza, l'atomo di ossigeno di una molecola di acqua può attrarre un atomo di idrogeno di un'altra molecola, costituendo quello che si definisce legame di idrogeno e che si traduce in una forza attrattiva che tende a mantenere unite tra loro le molecole dell'acqua. Nel vapore acqueo ciascuna molecola si muove invece liberamente nello spazio e l'evaporazione dell'acqua corrisponde quindi alla rottura dei legami di idrogeno presenti nell'acqua liquida . Essa presenta perciò una tendenza minore a quella di altri composti di struttura analoga a passare allo stato di vapore e quindi un punto di ebollizione relativamente elevato. Anche il calore latente di evaporazione è elevato: presenta infatti il valore di 539,5 cal/g a 100 C, che aumenta lentamente con il diminuire della temperatura. La struttura dipolare dell'acqua favorisce la dissociazione e la solubilità dei sali e in generale delle sostanze a carattere ionico; la molecola dipolare si dispone infatti a contatto o entro il reticolo ionico salino annullando parzialmente con le sue cariche l'attrazione elettrostatica tra gli ioni: di conseguenza l'agitazione termica prevale sulla coesione liberando gli ioni del sale in soluzione
federica90GG
federica90GG - Genius - 7940 Punti
Rispondi Cita Salva
grazieeeeee
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
chiudo!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 341 Punti

Comm. Leader
andrea1085

andrea1085 Blogger 419 Punti

VIP
Registrati via email