picasso93
picasso93 - Habilis - 181 Punti
Rispondi Cita Salva
ciau!mi servirebbe entro questa sera l'analisi dell'opera della tomba regolini galassi.....usando magari queste voci:
+ aspetto formale: (autore, epoca, area geografica) tutto in funzione dello stile
+contenuto: soggetto= iconografia (descrizione)e iconologia (motivazioni storico culturali)
...lo so che è un lavoraccio però me lo potete fare?grazieeeee
apona88
apona88 - Genius - 37906 Punti
Rispondi Cita Salva
(Referenza: R Paolelli, G. Sorrentino- Facciatio Conoscenta con gli Etruschi: Cerveteri)

(VII Sec. a. C. )

Per visitare la Tomba REGOLINI-GALASSI, dovete farvi accompagnare da un guardiano della Necropoli, perchè è chiusa. Si trova nella Necropoli del Sorbo, lungo la strada che da Cerveteri porta a Bracciano.

La tomba Regolini-Galassi celebre per if suo ricchissimo corredo, è del periodo orientalizzante. Il tumulo originario, nel corso del 6 secolo, è stato racchiuso da un secondo tamburo, per consentire un ulteriore scavo di tombe, probablimente, del discendenti della stessa famiglia. Queste tombe periferiche, più esposte, hanno preservato la tomba più interna ad antica dagli invietabili saccheggi.

Dal disegno potato vedere la disposizione della tombe nel tumulo (fig. 51). La tomba ritrovata intatta nell'aprile del 1836 dall'arciprete Regolini e del Gen. Galassi, che le hanno dato is nome, ha un dromos cortissimo ad è formata da due ambienti rettangolarl, lunghl e stretti in asse tra loro: l'anticamera e la cella. Sono separate da un restringimento delle pareti a da un abbassamento del soffitto della cella. Quasi al termine dell'anticamera, verso la cella, si aprono due nicchie laterali scavate nel tufo, di forms ovoidale. La tomba è per metà della sua altezza scavata nel tufo. per l'altra metà costruita con massi squadrati a formare una falsa volta di forma ogivale (tomba del tipo a volto costruita o a cielo aperto). La nicchia di destra che ospitava le ceneri di un defunto in un biconico di bronzo era chiuse con un blocco di tufo (sigillo). Al termine dell'anticamera fu trovato un letto di bronzo sul quale doveva essere deposto il corpo di un guerriero di nobile famiglia. Per portarlo nella tomba venn e probabilmente usato il carro trovato nella stessa stanza. ricostruito in legno al Museo. Vicino fu trovato un oggetto in bronzo definito un bruciaprofumi o un carrello, portavivande. Otto scudi rotondl in leggera lamina di bronzo, sicuramente di parata. sono stati ritrovati lungo la parete di sinistra. Si può notare L-1uso di decorare la pareti delle tombe con scudi o riproduzione di essi (Tomba degli Scudl e delle Sedie), forse ad Indicare la nobilità guerriera del proprietari

Furono ritrovatl calderoni di bronzo, con alti sostegni conici e rotondi ornati di figure. chiamati lebeti, armi, spiedi, alari, sedili e graziose statuette a tutto tondo, rappresentanti figure femminili del lunghi vestiti. Nelle colla fu trovato un vero tesoro di gioielli in oro: la famosa fibula a navicella di ben trenta centimetri di altezza, tutta decorata ed ornata con figure a rilievo; la piacca ritrovate sul petto del defunto, secondo una tradizione orientale, decorata a sbalzo con lunghe teorie di animali fantastici: sfingi. mostri, felini, grifoni etc.; due alti braccialetti a fascia decorati a sbalzo e a granulazione; pendenti, collane, tra cui una bellissima con tre pendenti di ambra incastoneta. Oggetti di bronzo, una situla (specie di secchiello con manici) decorate in argento, avori. buccheri, ceramiche acrome, e dipinte: coppe, tazze, anfore e brocche. Un trono di cui rimangono i rivestimenti di bronzo ad uno sgabello per appoggiare i piedi,

Si era fatta l'ipotesi, data la ricchezza dei gioielli a due incisioni ritrovate su due coppe, che una donne, una principessa di nome Larthia, fosse seppellita nella cella. Attualmente si pensa che le parole Larthia e Mi Larthia, possano essere un genitivo possessivo a quindi Indicare, come se la coppa parlasse, Io (sono) di Larth, un personaggio maschile.

Nella nicchia laterale sinistra è stata ritrovata una biga, in legno con ornamenti in bronzo, che appare spezzata e bruciata, probabilmente perchè non entrava nello spezio ristretto della nicchia. Fra gli altri oggetti: coppe di argento molto belle e, cosa notevolissima, un vasetto di bucchero a forma di bottiglia conica, con incisa una della prime riproduzioni di alfabeto etrusco

Può essera interessante ricordare un'altra tomba della Necropoli del Sorbo, scoperta sempro dall*arciprete Regolini, detta Calabresi del nome del proprietario del terreno, ormai distrutta del lavori agricoli. Il suo ricco corredo è esposto, come quello della Regolini Galassi, nel Museo Gregoriono-etrusco al Vaticano.


Ho trovato questo testo...ti lascio il link da consultare...

Buon lavoro...:hi
picasso93
picasso93 - Habilis - 181 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille..le informazioni mi sono state utili:satisfied:hi
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
ok chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email