Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
ciaooooo!! mi potreste dare la parafrasi dei promessi sposi del capitolo 1..versi dal 1 al 51.... vi prego....URGENTISSSSSSSSSSSIMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!:(:cry:cry:cry
Noel
Noel - Genius - 36673 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Riassunto del capitolo I

Il racconto della vicenda da cui prende le mosse il romanzo prende l'avvio con un'ampia, minuta, realistica, visione del paesaggio in cui si colloca il paese brianzolo dove abitano Renzo e Lucia, i due promessi sposi. Lui è un filatore di seta, orfano di padre e di madre; lei è filatrice in una filanda ma senza continuità di lavoro: vive con la madre vedova. Si dovevano sposare e il matrimonio era fissato per l'otto novembre 1628. Tutto sarebbe andato liscio, se il signorotto locale, doti Rodrigo, non si fosse incapricciato di Lucia e non avesse scommesso col cugino, don Attilio, che in tempi brevi, se ne sarebbe impadronito e l'avrebbe portata al castello. Per questa violenza egli poteva sperare nell'immunità dovuta sia al suo grado sociale sia alla connivenza del potere giudiziario e politico, alleato dei potenti. Bisognava impedire intanto la celebrazione del matrimonio. Per questo il pomeriggio del 7 manda due bravi ad ordinare al curato don Abbondio che quel matrimonio non si deve celebrare. I due bravi si appostano all'angolo di una strada di campagna, percorsa d'abitudine dal curato. Il quale, intimidito, si dichiara pronto ad obbedire. Lo fa perché per temperamento è un pauroso; non era nato con un cuor di leone; ma obbedisce e si rassegna e si fa complice di un gesto di violenza anche perché la società nella quale viveva era violenta, ingiusta e non offriva adeguata protezione contro i soprusi dei potenti ai poveri, ai disarmati, ai miti. A casa dove giunge affannato ed agitato confida ogni cosa alla sua serva Perpetua: serva affezionata e fedele, che sapeva ubbidire e comandare, secondo l'occasione. L'ordine impartito a lei è di non fiatare della cosa con nessuno. Lei dà qualche suggerimento, tra cui quello di avvertire il cardinale. Ma don Abbondio è troppo dominato dalla paura procuratagli da quei bravi e crede che la disobbedienza gli costerà una fucilata. La notte, che trascorre agitatissima, è difatti popolata di bravi e di archibugiate.
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
nooooooooooooooooooooooooooo...nn il riassunto!!!!!!!
LA PARAFRASI!!!!!!!!! AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
dai vi prego io nn sn capace e mi serve ora!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
paraskeuazo
paraskeuazo - Mito - 74864 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Parafrasi?? ma i promessi sposi mica sn una poesia! non è mica scritto in versi il romanzo del Manzoni :lol
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Eh para, non c'entra, la parafrasi può essere fatta anche in un componimento in prosa. Comunque la vedo difficile la parafrasi di un capitolo intero dei promessi sposi... :dontgetit
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
no nn è di un capitolo intero!!!!!!!!!! dal verso 1 al 51!!!! ti prego aiutami!!!
paraskeuazo
paraskeuazo - Mito - 74864 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Ma per "parafrasi" intendi allora portare dall'italiano antico in cui è scritto a qllo moderno?
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Eh si, credo di si!!

Ma devi fare anche l'analisi sintattica?

Questo è il testo da parafrasare?
CAPITOLO I
Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un'ampia costiera dall'altra parte; e il ponte, che ivi congiunge le due rive, par che renda ancor più sensibile all'occhio questa trasformazione, e segni il punto in cui il lago cessa, e l'Adda rincomincia, per ripigliar poi nome di lago dove le rive, allontanandosi di nuovo, lascian l'acqua distendersi e rallentarsi in nuovi golfi e in nuovi seni. La costiera, formata dal deposito di tre grossi torrenti, scende appoggiata a due monti contigui, l'uno detto di san Martino, l'altro, con voce lombarda, il Resegone, dai molti suoi cocuzzoli in fila, che in vero lo fanno somigliare a una sega: talché non è chi, al primo vederlo, purché sia di fronte, come per esempio di su le mura di Milano che guardano a settentrione, non lo discerna tosto, a un tal contrassegno, in quella lunga e vasta giogaia, dagli altri monti di nome più oscuro e di forma più comune. Per un buon pezzo, la costa sale con un pendìo lento e continuo; poi si rompe in poggi e in valloncelli, in erte e in ispianate, secondo l'ossatura de' due monti, e il lavoro dell'acque. Il lembo estremo, tagliato dalle foci de' torrenti, è quasi tutto ghiaia e ciottoloni; il resto, campi e vigne, sparse di terre, di ville, di casali; in qualche parte boschi, che si prolungano su per la montagna. Lecco, la principale di quelle terre, e che dà nome al territorio, giace poco discosto dal ponte, alla riva del lago, anzi viene in parte a trovarsi nel lago stesso, quando questo ingrossa: un gran borgo al giorno d'oggi, e che s'incammina a diventar città. Ai tempi in cui accaddero i fatti che prendiamo a raccontare, que1 borgo, già considerabile, era anche un castello, e aveva perciò l'onore d'alloggiare un comandante, e il vantaggio di possedere una stabile guarnigione di soldati spagnoli, che insegnavan la modestia alle fanciulle e alle donne del paese, accarezzavan di tempo in tempo le spalle a qualche marito, a qualche padre; e, sul finir dell'estate, non mancavan mai di spandersi nelle vigne, per diradar l'uve, e alleggerire a' contadini le fatiche della vendemmia. Dall'una all'altra di quelle terre, dall'alture alla riva, da un poggio all'altro, correvano, e corrono tuttavia, strade e stradette, più o men ripide, o piane; ogni tanto affondate, sepolte tra due muri, donde, alzando lo sguardo, non iscoprite che un pezzo di cielo e qualche vetta di monte; ogni tanto elevate su terrapieni aperti: e da qui la vista spazia per prospetti più o meno estesi, ma ricchi sempre e sempre qualcosa nuovi, secondo che i diversi punti piglian più o meno della vasta scena circostante, e secondo che questa o quella parte campeggia o si scorcia, spunta o sparisce a vicenda. Dove un pezzo, dove un altro, dove una lunga distesa di que1 vasto e variato specchio dell'acqua; di qua lago, chiuso all'estremità o piùttosto smarrito in un gruppo, in un andirivieni di montagne, e di mano in mano più allargato tra altri monti che si spiegano, a uno a uno, allo sguardo, e che l'acqua riflette capovolti, co' paesetti posti sulle rive; di là braccio di fiume, poi lago, poi fiume ancora, che va a perdersi in lucido serpeggiamento pur tra' monti che l'accompagnano, degradando via via, e perdendosi quasi anch'essi nell'orizzonte. Il luogo stesso da dove contemplate que' vari spettacoli, vi fa spettacolo da ogni parte: il monte di cui passeggiate le falde, vi svolge, al di sopra, d'intorno, le sue cime e le balze, distinte, rilevate, mutabili quasi a ogni passo, aprendosi e contornandosi in gioghi ciò che v'era sembrato prima un sol giogo, e comparendo in vetta ciò che poco innanzi vi si rappresentava sulla costa: e l'ameno, il domestico di quelle falde tempera gradevolmente il selvaggio, e orna vie più il magnifico dell'altre vedute.
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
sisisisisisissi..tu ce la fai????ti prego solo la parafrasi!!!!
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
sisisi ...rigo!!!!!
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Si si, è righo... :dontgetit

Guarda è di una semplicità estrema... Sul web le parafrasi del Manzoni non si trovano...




Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
qnd tu ce la fai????io no!!!!!!!!!!!!!!dai ti prego
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Aspetta sto cercando, io te la farei volentieri, ma non ho tutto questo tempo a disposizione...
Noel
Noel - Genius - 36673 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
A me sembra una cosa un pò insolita fare la parafrasi di 1 capitolo dei promessi sposi:con
Non c'è altra soluzione che quella di armarsi di vocabolario e provare a farla
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
ok grazie mille!!!!!!!!1

Pagine: 12

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Classifica Mensile
Vincitori di settembre
Vincitori di settembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

tata9

tata9 Moderatore 423 Punti

VIP
Registrati via email