Nihal2490
Nihal2490 - Sapiens Sapiens - 836 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao a tutti!!
Spero davvero che, per l'ennesima volta, possiate aiutarmi.
Prossimamente dovrò fare una verifica di musica (il mio è uno di quei pochi licei in cui la materia si porta fino in 5^!!) e la nostra carissima (odiosissima ed incapacissima) professoressa ha fissato i seguenti argomenti:

1-Pitagora e la musica
2-Sant'Agostino e la musica
3-Musica e fisica, le onde sonore (oddio!!!)

Ora...Visto che sono argomenti che, o ha spiegato 2 anni fa (non scherzo!!), o abbiamo affrontato superficialmente, mi potreste dare delle indicazioni/suggerimenti su dove sia possibile reperire tali informazioni?

Per favore, ne ho un assoluto bisogno...!!!!
emy 93
emy 93 - Sapiens Sapiens - 840 Punti
Rispondi Cita Salva
Su questo sito non c'è niente, però su encarta ho trovato queste cose non so se possono aiutarti:

La musica occidentale rappresenta una delle numerose culture musicali dotate di una specifica base teorica, con un proprio sistema di accordature e scale, propri timbri, un particolare approccio alla forma e peculiari tessuti musicali. In questo senso, con musica occidentale si intende la tradizione musicale sviluppata in Europa nel corso dei secoli, con particolare riferimento alla cosiddetta “musica colta”; questa tradizione si affianca agli altri grandi sistemi musicali, come quelli dell'India, dell'Indonesia, della cultura islamica, della Cina e del Giappone.

Gli esempi musicali di cui disponiamo sono scarsi, ma sappiamo molto sulle teorie greche e romane riguardanti natura e funzione della musica, grazie a filosofi come Platone, Pitagora, Aristotele, sant'Agostino e Boezio. Per gli antichi, la musica, oltre a riflettere nel microcosmo le leggi dell'armonia che governano l'universo, influenzava pensieri e azioni degli uomini.

La musica greca era essenzialmente monofonica (limitata cioè a un'unica melodia eseguita senza armonia). Tuttavia, era anche possibile che uno o più musici suonassero una variazione della melodia, mentre gli altri eseguivano la sua versione originale, producendo un tessuto musicale un po' più complesso, detto eterofonia.

Il ritmo della musica greca era strettamente associato alla parola. Nel canto, la musica riproduceva l'andamento del testo, mentre in un pezzo strumentale seguiva gli schemi dei vari metri poetici. La struttura era basata su un sistema di modi che legava una scala a determinati contorni melodici e modelli ritmici. Un'organizzazione analoga esiste oggi nella musica islamica e in quella indiana. Secondo i filosofi greci, ogni modo possedeva una specifica qualità emotiva che agiva sull'ascoltatore.
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
1-[url=http://209.85.135.104/search?q=cache:SainNdvxhvoJ:digilander.libero.it/initlabor/musica-simmetria/scala-pitagorica.htm+pitagora+musica&hl=it&ct=clnk&cd=2&gl=it]Pitagora e la musica[/url]
2-[url=http://209.85.135.104/search?q=cache:iPva1hEYorEJ:it.wikipedia.org/wiki/Architettura_gotica+sant%27agostino+musica&hl=it&ct=clnk&cd=3&gl=it]Sant'Agostino e la musica[/url]
3-[url=http://209.85.135.104/search?q=cache:YiUnI19eJeMJ:wapedia.mobi/it/Onda_sonora+musica+fisica+onde+sonore&hl=it&ct=clnk&cd=8&gl=it]Musica e fisica, le onde sonore [/url]
emy 93
emy 93 - Sapiens Sapiens - 840 Punti
Rispondi Cita Salva
Sulle onde:

Onda In fisica, qualunque perturbazione che si propaghi nello spazio trasportando energia, ma non materia. Esistono diversi tipi di onde, di natura e caratteristiche differenti, responsabili della propagazione di diverse grandezze e fenomeni.

Esempi di onde sono il suono, le onde del mare e le oscillazioni di una corda o di un elastico. In ognuno di questi casi, mentre l'energia trasportata dall’onda si sposta nella direzione di propagazione dell’onda, produce l’oscillazione delle particelle del mezzo investito, nella medesima direzione, o in direzione trasversale. Onde di questo tipo, che si propagano attraverso un mezzo materiale producendone l’oscillazione, sono dette meccaniche, appunto perché necessitano di un supporto meccanico (il mezzo materiale) per trasmettere energia. Le onde elettromagnetiche, invece, non hanno bisogno di un supporto: sono infatti variazioni periodiche dell'intensità del campo magnetico ed elettrico, che possono avere luogo in mezzi materiali, come pure nel vuoto.

La più semplice e significativa tra tutti i tipi di onde è l’onda armonica semplice, che rappresenta il modello per lo studio di molti fenomeni periodici naturali. Si può definire come la perturbazione prodotta in un mezzo da una forza elastica. In un’onda armonica, la grandezza vibrante cambia intensità periodicamente, con legge sinusoidale, oscillando con regolarità tra un valore minimo e un valore massimo. A seconda che la direzione di oscillazione della grandezza vibrante sia parallela o perpendicolare alla direzione di propagazione, l’onda si dice longitudinale o trasversale. Un'onda longitudinale può essere solo di natura meccanica: consiste infatti in una serie di successive compressioni (stati di densità e pressione massime) e rarefazioni (stati di densità e pressione minime) del mezzo; le onde sonore ne sono un esempio tipico.

Esempi di onde trasversali sono invece quelle che si propagano lungo una corda tesa o le onde elettromagnetiche, come le onde luminose, i raggi X e le onde radio. Le onde che variano periodicamente nel tempo e hanno caratteristiche di regolarità tali da poter essere descritte da una funzione sinusoidale prendono il nome di onde armoniche; ad esempio, le oscillazioni impresse con regolarità all’estremità di una corda si propagano per tutta la sua lunghezza sotto forma di onde armoniche. Per questo tipo di onde, la descrizione matematica è relativamente semplice.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

manliogrossi

manliogrossi Blogger 2718 Punti

VIP
Registrati via email