gimmolo di gimmolo
Ominide 202 punti

Il periodo del pendolo

Scopo dell'esperienza: determinare il periodo di oscillazione di un pendolo. Applicare le nozioni sugli errori di una grandezza fisica.
Prerequisiti: per poter realizzare quest’esperienza occorre avere delle nozioni sulla stima migliore della misura e dell’incertezza, sapere che cos'è il periodo di un pendolo e di un pendolo semplice, e riuscire ad applicare la formula per il calcolo della media.
Strumenti e materiale: pesetto, filo inestensibile, cronometro, goniometro, metro, asta.
Procedimento: abbiamo tagliato un pezzo di filo inestensibile di 35 cm al quale abbiamo legato un pesetto e abbiamo legato il tutto ad un asta che potesse permettere al pendolo di oscillare liberamente. Abbiamo calcolato 20 gradi dai quali fare partire l'oscillazione. Cosi, alternandoci uno alla volte nei vari ruoli, abbiamo cronometrato quanto tempo impiegava il pendolo a compiere due oscillazioni e in seguito abbiamo scritto i dati che erano venuti fuori:

1,46
1,59
1,56
1,55
1,59
1,52
1,53
1,51
1,53
1,53
1,56
1,56
1,52
1,58
1,54
1,56
1,62
1,55
1,57
1,53

Di questi dati abbiamo fatto una media attraverso il metodo della semidispersione massima.
Conclusioni: abbiamo calcolato che il periodo di due oscillazioni del pendolo e la media che viene fuori con anche l'errore che gli appartiene è di (1,53 +-0,03).
Osservazioni: è sempre meglio cambiare i ruoli durante il misuramento del tempo, per esempio facendo cinque misure ciascuno con uno che misura il tempo e un altro che fa partire il pendolo. In questo modo, anche se ci fosse un errore sistematico, non ne sarebbero affette tutte le misurazioni.

Registrati via email