La forza di Lorentz

Come mai un filo percorso da corrente genera un campo magnetico e subisce i suoi effetti?Sostituiamo il filo con un fascio catodico. Il fascio è deviato da un campo magnetico con la regola della mano destra. Quindi cariche elettriche in moto risentono della forza magnetica. Se il filo è affiancato ad un tubo catodico con le correnti rivolte nello stesso verso, queste si attraggono come avviene tra fili percorsi da diverse correnti. Ciò che importa è quindi che le cariche siano in movimento. Il campo magnetico è generato da cariche elettriche in moto e a loro volta cariche elettriche in moto sono soggette a forze dovute a un campo magnetico. La forza magnetica che agisce su una carica in moto: una carica puntiforme q che si muove con velocità v in un campo magnetico B risente di una forza F data da Fq(N)=qvB. E' la forza di Lorentz che può essere anche Fq=qvB perpendicolare o Fq=qvB senalfa che è l’angolo compreso tra v e B. La direzione della forza è data dalla regola della mano destra:se la carica è +,si pone il pollice nel verso della velocità e le altre nel campo magnetico; se la carica è – il pollice va orientato nel verso opposto a quello della velocità.

Registrati via email