I tre tipi di elettrizzazione

L’elettrizzazione è un fenomeno fisico che conduce ad una sovrabbondanza di cariche di uno stesso segno nel corpo prima neutro. Un corpo che acquista la capacità di attirare oggetti è detto elettrizzato. Ci sono tre modi per poter elettrizzare un corpo:
Strofinio: una penna di plastica sfregata contro un golf di lana riesce ad attirare a sé oggetti molto leggeri come pezzettini di carta. Questo tipo di elettrizzazione avviene in diversi oggetti come il vetro, la gomma o la ceramica. Un corpo elettrizzato attira un altro non elettrizzato, ma se dovessimo avvicinare due oggetti che sono stati strofinati entrambi, avverrebbe ciò: due barrette di plastica o di vetro si respingono, una barretta di vetro e una barretta di plastica si attirano. Quindi due oggetti elettrizzati possono respingersi o attrarsi.
Contatto: immaginiamo di avere un conduttore carico che impugniamo con una mano isolante ed uno neutro. Mettendoli a contatto, parte della carica passa sul secondo in modo da avere i due conduttori entrambi carichi. All’inizio il primo era negativo per un eccesso di elettroni, ma una parte di questi si sono spostati nel secondo caricandolo negativamente. Ciò ci fa capire che i conduttori possono essere elettrizzati per contatto. Questo tipo di elettrizzazione permette di suddividere una carica in parti uguali.

Induzione: se avvicinassimo una bacchetta elettrizzata ad una pallina di metallo scarica appesa ad un filo isolante, la bacchetta attirerebbe la pallina. Il perché una carica possa attirare un corpo scarico sta proprio nella legge di Coulomb secondo cui la forza elettrica diminuisce all’aumentare della distanza. La bacchetta di plastica carica negativamente respinge gli elettroni che sono liberi di muoversi nella sfera conduttrice, la superficie della sfera vicino alla bacchetta diventa positiva e quella lontana negativa e per la legge di Coulomb l’attrazione tra cariche vicine è maggiore della repulsione tra quelle lontane e per questo la sfera viene attratta verso la bacchetta. Questo processo prende il nome di induzione elettrostatica, cioè la ridistribuzione di carica causata dalla vicinanza di un corpo neutro.

Registrati via email