Ominide 50 punti

La pressione del gas

Il movimento incessante delle molecole rilevato dal moto browiano permette di costruire un modello microscopico del gas perfetto. Dal punto di vista macroscopico un gas perfetto è un gas rarefatto con temperatura molto maggiore di quella di condensazione. Dal punto di vista microscopico esso è costituito da tantissime molecole molto piccole rispetto alle dimensioni degli oggetti ordinari. Queste condizioni implicano che:
1.Le forze di attrazione molecolare sono così piccole da poter essere considerate nulle;
2.Le molecole si muovono continuamente, in modo indipendente le une dalle altre, con un movimento disordinato e veloce detto moto di agitazione termica;
3.Esse interagiscono con l’esterno urtando in modo elastico le pareti del recipiente che le contiene;
L’aria, costituita da una miscela di molecole (azoto 78% e ossigeno 21%) in condizioni normali si comporta da gas perfetto. Le molecole dell’aria si muovono in modo rapido e disordinato, e si colpiscono da tutte le parti come piccoli proiettili. Poiché le molecole si spostano in linea retta e urtano in modo elastico contro gli oggetti , il loro moto può essere studiato mediante le leggi della meccanica.Non è possibile seguire una per una tutte le molecole ma si possono calcolare i valori medi delle grandezze microscopiche, come la velocità media o la sua enegia cinetica media. Da questi valori si ricavano le leggi G-L e la legge di Boyle che descrivono il comportamento delle grandezze macroscopiche: volume, temperatura, pressione.

PRESSIONE La pressione del gas è dovuta agli urti delle molecole contro le pareti del recipiente. Ogni urto produce una pressione molto piccola ma gli urti sono numerosissimi sia perché il gas è composto da un numero enorme di molecole, sia perché ciascuna di esse si muove molto velocemente.Con un procedimento statistico è possibile calcolare la forza media esercitata dalle molecole sulle pareti e di conseguenza anche la pressione

Registrati via email