Ominide 2535 punti

La teoria di Copernico e Galileo Galilei

Nel 1543 Copernico, vide pubblicato il suo capolavoro, De Rivolutionibus orbium coelestium. Il filosofo aveva affermato che la terra, immobile, si trovava al centro dell'Universo e che attorno a essa ruotavano il sole e tutti i pianeti. L'universo era dunque concepito come una sfera. Il mondo cristiano più tardi, aveva accettato questa spiegazione, perché si accordava perfettamente con le Sacre Scritture. Contrariamente, Copernico sosteneva che al centro dell'Universo stava il Sole. A noi oggi tutto questo sembra ovvio,ma a quell'epoca la teoria copernicana parve assurda e minacciosa. Lutero e Calvino la condannarono immediatamente. La Chiesa Cattolica reagì più lentamente, ma con altrettanta durezza e nel 1616 inserì l'opera di Copernico nell'indice dei libri proibiti.Galileo Galilei, studioso e matematico, fin dagli inizi della giovinezza si dedicò allo studio della natura. Per Galileo la cosa più importante non era conoscere e ripetere ciò che già gli antichi avevano scoperto; bisognava invece osservare in prima persona il mondo circostante.La matematica quindi era la chiave per iniziare a capire le leggi della natura. Secondo Galileo, gli scienziati dovevano compiere un lavoro lungo e paziente. Prima di considerare valide le loro conclusioni, dovevano ricontrollarle più volte, mettendole alla prova con degli esperimenti.

Registrati via email