Ominide 145 punti

Baruch de Spinoza. (1632-1677, Amsterdam)


Proviene da una famiglia ebraica di severa cultura.
Studia nella sinagoga Kether Thora i testi antichi ebraici.
Grazie ad un maestro gesuita conosce la filosofia recente, a lui contemporanea (Bacone, Cartesio, Hobbes..) e la cultura greca e latina classica.
Frequentando i circoli classici inizia a pensare ad un Dio diverso dalla visione ebraica, Diopiù tollerante.
Costretto a fuggire scrive:
1- Trattato sull'emendazione dell'intelletto, incompleto, che non pubblica per timore della censura.
2-Etica, Ordine geometrico demonstrata – Succo della sua filosofia (Parla di etica e passioni).
3-Trattato politico filosofico che lo costringerà a fuggire.
Muore solo di tubercolosi nel 1677 ad Amsterdam.
Le questioni più importanti trattate da Spinoza sono quelle rimaste in sospeso dai precedenti filosofi:
1- DUALISMO ANIMA E CORPO (res extensa, res cogitans)
2- Dio è distinto dalla natura? È trascendente o immanente?
Si pone perciò delle domande:
1-Realtà che ci circonda è ordinata o in essa causa il caos più totale?
2- Dio è intrinseco nella natura o distante da essa? Immanente o trascendente?
3-L'uomo deve essere considerato per le emozioni e passioni che vive o queste sono sbagliate?
4-L'uomo, in un contesto dove non si sa se governato dal caos o dalla ragione, è libero o governato a sua volta?
RISPOSTE:
2- Dio è un unica cosa con la natura, Dio e natura coincidono, sono un unica identità. Dio è immanente. Dio SIVE natura.
Spinoza è considerato di grande importanza perché indaga sulle passioni ed emozioni perché garantiscono sopravvivenza e permettono perfezionamento interiore.
L'emozione è sforzo (CONATUS) per il miglioramento morale alla conquista di una perfezione.
Riconosce ordine necessario dell'universo, che governi la natura, ordine dato dall'unione tra Dio, Natura e Uomo.
Dato queste premesse sviluppa un metodo di comportamento e comprensione:
Quando l'uomo comprende di essere un unica cosa con la natura allora adatta il suo comportamento alle leggi della natura per raggiungere la felicità.
Colgo quindi l'ordina naturale delle cose che stanno succedendo fuori di me, lo comprendo ed agisco di conseguenza.
Stoici: Si parla di etica del dovere : faccio qualcosa per essere felice
Spinoza: L'uomo riconosce e può scegliere se seguire o meno le leggi della natura, bisogna entrare in sintonia con la natura e bisogna deridere e compiangere le emozioni, ma accettarle e capire cosa fare e come comportarmi quando provo le emozioni.
Come giunge a dire questo spinoza?
- Prende ad esame tutto ciò che a lui procurava piacere: (mangiare, coprirsi, ecc ecc) .
-Tutti questi beni non sono quelli che portano alla felicità.
-C'è un piacere più grande : AMORE DI DIO.
-Diverso dal dio ebraico, non giudica.
DIO: è sostanza, ciò che non ha bisogno di altro per essere pensata, E' CAUSA SUI, basta a sé stessa per esistere.
Sostanza è : increata (causa sui), eterna, infinita e unica.

CRITICA AL FINALISMO:

-CRITICA Alla credenza ebraica che tutto ciò che è presente sulla terra sia stato fatto per l'uomo, che abbia come fine il soddisfare l'uomo. Si adora la divinità in quanto la si ritiene garante della nostra sopravvivenza perché senza Dio non ci saremmo.
-Se siamo superstiziosi, abbiamo paura che Dio ci tolga qualcosa per noi, le cose sono lì ma non per noi, le cose sono Dio.
-Secondo Spinoza l'uomo ha tre livelli conoscitivi:
1)L'uomo avrà la percezione e immaginazione che lo porteranno a rappresentarsi le cose in modo parziale o confuso.
2)Cerchiamo di comprendere le relazioni tra causa e effetto, ma anche questa è parziale perché non mi lascia conoscere l'universo.
3)Amore intellettuale di Dio: Esso costituisce la soddisfazione più grande intellettuale e morale. Conoscenza tipica del saggio.


Dio sostanza= Natura e si manifesta con infiniti attributi. Noi attraverso la mente ne conosciamo due:
-sostanza (ESTENSIONE / MATERIA) → Si manifestano attraverso i modi (oggetti, forme)
-Pensiero ( COSCIENZA / CONSAPEVOLEZZA) → si manifestano attraverso i modi (idee)

estensione : Res extensa.
pensiero: res cogitans.

MODI: possono essere:

1) FINITI: i singoli corpi e le singole menti
2) INFINITI: che sono le proprietà strutturali degli attributi: -Movimento e quiete
- Intelletto e volontà
- Il mondo come totalità.

Es: Se Dio è oceano, la sostanza è acqua, i modi dovrebbero essere le onde.

Nell'universo, ogni corpo e idea è concatenato uno all'altro attraverso un ordine geometrico. Le stesse passioni sono concepite aventi forme geometriche , in quanto ordinate e comprensibili. (Disposizione necessaria e razionale)

Spinoza parla della differenza logica da CAUSA ad AFFETTO (Cosa solo mentale , non reale):
Natura naturata: Ovvero Dio/Natura come effetto (Insieme dei modi).
Natura naturante: Ovvero Dio/Natura come causa (attributi)
DIO PERO' E' SEMPRE NATURA!!

Dio infatti non agisce nelle cose con scopo o obiettivo ma solo perché è nell'ordine delle cose farlo.

Critica ai fanatici religiosi: Giustifica razionalmente i miracoli : I miracoli sono fenomeni che accadono perché dopo un evento accade un altro evento , solo che gli uomini non capiscono il passaggio da un evento all'altro (Questo passaggio è invisibile per questo l'evento nuovo sembra un miracolo spuntato dal nulla).
Chi grida del miracolo vuole solo mettere paura alla gente. Spinoza si accanisce contro la superstizione.


Spinoza nella sua opera “Etica, Ordine geometrico demonstrata” considera le PASSIONI, ne fa un'analisi rigorosa per quell'epoca. Fino a quel momento gli altri filosofi hanno considerato le altre passioni un vizio della natura umana.
Per egli non vi è nulla nella natura umana che sia incompatibile con la ragione umana .

Amore, Odio, Invidia; Gioia : Dall'uomo sono considerate come derivanti dalla necessità della natura e dunque positive.

Bene e male nell'etica sono inconsistenti. Dipendono dal contesto e quindi dipende da quanto ciò che stiamo cercando sia desiderabile.
Spinoza ci da un'etica descrittiva non prescrittiva. Quando vuole insegnare non ci obbliga ma descrive i sentimenti e passioni.
Es: Se io conosco e comprendo le passioni in quanto sono parte dell'ordine naturale posso seguirle.
Quando con la ragione ci sforziamo di comprendere le passioni allora smettiamo di giudicare cosa è bene e cosa male. La ragione infatti DEVE mostrarci il nostro Utile.

Esistono affetti Primari : Amore
Dagli affetti primari derivano le passioni : Gioia, Letizia, Allegria.
Amore smette di essere gioia quando capiamo cos'è.

La ragione umana deve valutare quali passioni agiscono per il potenziamento umano e quali no.
Tutte le passioni che depotenziano le passioni umane vanno eliminate, comprese ma eliminate.

L'uomo è condizionato da passioni ma la libertà è decidere dove convogliarle.

Differenza spinoza e stoicismo:
-Per spinoza la virtù non coincide con soffocamento con desideri bensì con capacità di ordinare razionalmente in vista della propria conservazione e perfezionamento.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email