Ominide 316 punti

Il santo Agostino

Sant'Agostino nacque a Tagaste nel 354, nella quale condusse una vita turbolenta. La fede, all'inizio del suo percorso, lo pervade, spingendolo a scoprire la verità tanto ricercata dalla filosofia, tanto che può essere considerato il Platone cristiano. Nell'autunno del 386 Agostino lascia l'insegnamento della retorica ed è da qui che, assieme alla conversione, la quale viene raccontata nella sua opera "Le confessioni", il monaco matura la concezione del male, come una privazione d'essere e non come una realtà sostanziale; egli distingueva anche il male morale, il quale si personifica nel peccato, in una debolezza dell'uomo nel seguire le prassi ascetiche e corrette di vita. La possibilità del peccato è insita nella libertà umana, che è un altro dei concetti analizzati da Agostino: egli sostiene che l'uomo deve trasformarsi da vecchio, attento all'aspetto, in nuovo, attento allo spirito. Rispettivamente a questa distinzione corrisponde la libertà di scelta e il libero arbitrio, secondo cui l'uomo non può scegliere il male in quanto privazione d'essere, ma può scegliere male preferendo un bene lontano dall'ascetismo. Queste sue affermazioni vengono sostenute dalla dottrina manichea, secondo cui sia il bene che il male sono presenti, ma ciclicamente si manifestano all'uomo. Anche per Agostino Dio è il creatore universale e ammettendo che Egli sia il responsabile e allo stesso tempo la causa dell'universo, afferma che la Sua vita è eterna e non ammette un prima e un dopo: è atemporale, ossia non soggetto allo scorrere delle lancette. Per il santo l'uomo è immagine finita di Dio e ogni individuo può essere identificato da tre aspetti:


    l'esistenza
    la conoscenza
    l'amore

Uno degli ultimi scritti di Agostino è "La città di Dio", nel quale il santo tratta di un'umanità divisa in coloro che vogliono Dio e coloro che pongono il bene materiale come fine primario: esse rispettivamente identificano una comunità dei giusti e una popolazione del demonio. Con le sue opere ci fu uno degli accostamenti più forti tra ragione e fede, poiché il pensiero fondamentale della sua retorica era che la fede predisponesse alla conoscenza di Dio, ma solo la ragione potesse approfondire il senso di ciò in cui si crede.
L'Africa negli ultimi anni della sua vita fu sotto assedio da parte dei Vandali e durante il suddetto periodo, egli fu colpito da una gravissima malattia.
Sant'Agostino morì nel 430 ad Ippona all'età di 75 anni.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email