a125 di a125
Ominide 59 punti

Romanticismo ed Idealismo

Alla fine del 1700 da un punto di vista politico si vedono gli esiti della Rivoluzione francese e dalla Germania si ha una “reazione” ai valori derivanti dall'Illuminismo (i quali avevano avviato la Rivoluzione francese). Che cosa si intende con Romanticismo? E' un movimento culturale che abbraccia ogni tipo di cultura (poetica, artistica, musicale), che ha origine in Inghilterra, ma che in seguito si diffonde in tutta l'Europa. In tutto il romanticismo vi è una tensione all'assoluto, all'infinito, al titanismo, all'immenso senza limiti, considerati come desiderio di andare oltre qualsiasi limite materiale e spirituale. I romantici provano per l'infinito un vero e proprio struggimento, un'ansia di assoluto. Questo movimento culturale può essere suddiviso in due fasi: la prima coincide con il periodo della Rivoluzione francese e si collega agli ideali di libertà del popolo (parole chiavi del Romanticismo: “Streben” sforzarsi, e “Sehnsucht” nostalgia dell'infinito). Questa prima fase è considerata eroica, mentre la seconda inizia con l'avvento di Napoleone al potere e il Romanticismo perde dunque quella parte rivoluzionaria, quella spinta ad agire; questo, infatti, viene definito come un Romanticismo più conservatore.

L'assoluto per i romantici è l'amore, la libertà, per altri persino Dio. L'assoluto è anche il popolo, la sua realtà, di cui il poeta romantico cerca di esaltare il valore. Il Romanticismo critica il fatto che l'Illuminismo idolatri la ragione: l'uomo è sì razionalità, ma è anche sentimento. I romantici criticano il materialismo illuminista, poiché reputano che la ragione sia incapace di cogliere la realtà e la natura umana nella loro profondità, a differenza del sentimento, dell'istinto e soprattutto dello spirito.
In questo periodo in Germania nasce il movimento dello “Sturm und Drang”, Tempesta e Impeto.
Assieme al Romanticismo, nell'ambito filosofico nasce il movimento dell'Idealismo che si diffonde solamente in Germania. Esso ha sì delle convergenze con il Romanticismo, ma anche delle divergenze. I massimi esponenti di questo movimento sono Fichte, Schelling e Hegel.
Esso è contrapposto all'Illuminismo, quest'ultimo, infatti, si trova nell'ambiente fenomenico (Illuminismo --> limite e Kant), mentre l'Idealismo nel noumeno (filosofia dell'infinito). Secondo gli idealisti dobbiamo comprendere l'infinito attraverso la ragione e inoltre pensano che l'assoluto sia l'infinito: un infinito razionale (mentre i romantici il sentimento). La ragione crea la realtà (Dio è, infatti, la ragione secondo gli idealisti), poiché crea la realtà. La ragione crea la realtà e la realizza con un processo, ossia la dialettica.

Registrati via email