Genius 7012 punti

Francesco Bacone

Sebbene Bacone sia legato al passato, per il mancato approfondimento della matematica, per altri aspetti, egli consegue risultati che segneranno profondamente la filosofia successiva: critica della cultura tradizionale (specialmente quella di Aristotele) a vantaggio di un sapere ottenuto attraverso la cooperazione tra studiosi.
Per Bacone l'esperienza è la fonte privilegiata della conoscenza; egli parla infatti di Metodo Induttivo, a cui si accompagna la consapevolezza che solo dall'attenta osservazione della natura e delle sue leggi si può piegare la natura al servizio dell'uomo.

Individuazione di un criterio di verifica delle teorie

Bacone è convinto che la mente umana può essere facilmente confusa da degli "errori" o pregiudizi che egli chiama idola, che impediscono all'uomo di vedere la realtà delle cose:
Idola tribus: sono quelli che si radicano nei sensi, nell'intelletto, nella volontà e nelle passioni dell'uomo. Ciò ci porta ad una generalizzazione arbitraria degli eventi, senza cioè classificarli in particolare mediante leggi ben precise come invece farà il metodo baconiano.
Idola specus: trovano fondamento nell'individuo; di conseguenza dipendono dalla costituzione individuale, dall'educazione ricevuta, dalle abitudini e circostanze in cui a ciascuno accade di vivere.
Idola fori: sono quelli che sorgono dai commerci e dai rapporti tra gli uomini e quindi sono profondamente legati al linguaggio, che deve la sua scarsa affidabilità al fatto che le parole sono portatrici di pregiudizi legati all'uso della lingua.
Idola theatri:derivano dalle dottrine filosofiche del passato.

Registrati via email