Genius 5605 punti

Per la pace perpetua - Kant

Fu un’opera politica in cui, nel 1795, Kant espresse le proprie speranze per il futuro dell’umanità. L’obiettivo politico principale per Kant era il raggiungimento di una felicità pura basata sulla ragione. Kant era illuminista, ma non era eccessivamente ottimista nei confronti della ragione e non credeva che, grazie ad essa, l’uomo avrebbe conosciuto un progresso eterno. In campo politico Kant riteneva che fosse fondamentale valorizzare la libertà attraverso il passaggio dalla forma monarchica a quella repubblicana. Auspicava poi la formazione di federazioni sempre più ampie tra stati fino ad arrivare alla creazione di una federazione mondiale degli stati che sarebbe stata la garanzia della felicità. Kant criticò le religioni positive e disse che l’unico modo per pregare e onorare Dio, a prescindere dalla professione religiosa, era comportarsi bene.

Registrati via email