Ali Q di Ali Q
Mito 23936 punti

John Locke

Locke è il fondatore dell’empirismo inglese, proseguito poi da Berkeley e da Hume.

L’empirismo considera la ragione un insieme di poteri limitati dall’esperienza.
L’esperienza è a sua volta:
1) fonte ed origine del processo conoscitivo;
2) criterio di verità.

Le possibilità conoscitive dell’uomo sono quindi limitate, ed è perciò possibile interessarsi solo di ciò che è accessibile alla conoscenza dell’uomo.

Di seguito si riportano i punti chiave del pensiero di Locke.

La ragione
Secondo Locke la ragione è manchevole perché:
1) gli uomini ne partecipano in misura diversa;
2) le idee di cui dispone sono spesso oscure;
3) essa deve ricavare i suoi principi dall’esperienza.

Tuttavia, seppur manchevole, essa rappresenta l’unica guida conoscitiva dell’uomo.
Prima di incamminarsi verso la conoscenza, dunque, è necessario esaminare le capacità dell’uomo.

L’ esperienza
L’esperienza fornisce alla ragione il “materiale di lavoro”.
La ragione può combinare questo materiale come vuole, ma dev’essere sempre controllata dall’esperienza, per evitare costruzioni fantastiche o di avventurarsi in concetti al di là delle facoltà conoscitive.

Idee
Le idee sono l’oggetto della nostra conoscenza e derivano dall’esperienza.
Ve ne sono di due tipi:
1) di sensazione, derivanti dalle cose naturali;
2) di riflessione, derivanti dallo spirito.

Locke fa a questo punto una critica all'innatismo, secondo cui una persona avrebbe conoscenze già al momento della nascita.
Infatti per un’idea esistere significa essere pensata. Le idee innate dovrebbero quindi esistere in tutti, anche negli idioti, nei bambini e nei selvaggi. Ma poiché non è così, esse non possono essere innate, ma acquisite.

Le idee possono essere anche:
1) semplici, cioè fornite dall’esperienza;
2) complesse, date dalla riunione delle idee semplici.

La idee hanno anche qualità soggettive ed oggettive.

Per quanto riguarda le idee complesse, esse possono essere di tre categorie:

1) modi: modi e manifestazioni della sostanza;
2) sostanze: come uomo, pecora. Queste idee la nostra mente è in realtà portata inavvertitamente a considerarle semplici, poiché non possiamo immaginare come un’idea semplice possa sussistere senza un substratum alla base, come ad esempio i colori, e tuttavia non lo sono;
3) relazioni: nascono dal confronto di un’idea con un’altra. Quattro sono le principali relazioni: causa-effetto, identità-diversità. Esiste dunque l’identità di persona (in cui percepiamo e percepiamo di percepire) e le idee generali (un gruppo di idee particolari tra le quali è possibile riconoscere una certa somiglianza, ad esempio l’umanità).

Conoscenza
La conoscenza è una percezione di accordo o disaccordo tra le idee.
La conoscenza può essere:
1) intuitiva, che è immediata e perfetta;
2) dimostrativa, che ha bisogno di prove, che sono a loro volta altre idee intuitive. Nelle lunghe dimostrazioni l’errore è però possibile.

Ora, come facciamo a sapere che le cose pensate siano reali?
Secondo Locke esistono tre ordini di realtà:
1) Io, di cui si sente l’esistenza intuitivamente;
2) Dio, di cui si sente la presenza con la dimostrazione, cioè con il pensiero che nulla nasce dal nulla;
3) le cose, di cui si avverte l’esistenza con la sensazione. Certo, l’idea potrebbe esistere anche se la cosa stessa non esistesse (come ciò che è raffigurato in un quadro), ma se si riceve un’idea esterna è tuttavia lecito supporre che l’oggetto che l’ha suscitata esista ora (sensazione attuale). Ragionevole è anche pensare che le cose esistano anche quando non se ne ha la percezione attuale né la si è mai avuta, ma in quel caso non è possibile esserne certi (conoscenza probabile).

Politica
In ambito politico, Locke sostiene che in uno stato siano da utilizzarsi solo quelle leggi utili per la conservazione e la felicità dei cittadini.
Anche nello stato di natura si deve ubbidire alla ragione, che prescrive il rispetto degli altri. Se qualcuno viene meno a ciò, lo si deve punire, ma non arbitrariamente.
La sovranità deriva inoltre dal diritto conferito da Dio ad Adamo.

Lo stato di natura può anche diventare lo stato di guerra se alcuni cittadini si coalizzano per avere potere sugli altri. Per questo ci si riunisce in società, scelte dai cittadini.
All’interno della società non ci si può danneggiare, né rendere schiavi.

Potere legislativo: le leggi devono valere per tutti, ed essere fatte solo per il bene dei cittadini. Si devono rispettare i tre diritti naturali.

Potere esecutivo e federativo: rappresenta la comunità di fronte ad altre comunità.

Il vero potere lo hanno dunque i cittadini, che possono ribellarsi ai malvagi o ai tiranni. In questo caso, però, non si può parlare di vera ribellione.

Religione
Secondo Locke, lo stato si può occupare solo di beni civili.
Nessuno può essere salvato per forza, ma per fede, quindi la fede non può essere imposta.

La Chiesa può espellere chi ritiene incompatibile ai propri principi, ma la scomunica non deve intaccare i beni e i diritti civili.

Infine Locke sostiene la ragionevolezza del Cristianesimo.

Registrati via email