Ominide 4076 punti

Quali sono gli attributi di Dio e che cos'è l'ottimismo leibniziano

Dio è somma perfezione e bontà assoluta e, come le monadi, è dotato di intelletto e di volontà. Perciò Dio possiede la verità ed opera il bene: nella sua mente sono presenti i vari mondi possibili e tutti gli avvenimenti che potrebbero accadere tra i quali egli sceglie il migliore mondo e trae all'esistenza gli eventi più adatti seguendo il criterio del meglio che è la ragion sufficiente del suo operare. Di conseguenza l'intelletto e la volontà di Dio hanno la loro origine nella sua stessa potenza e così è adombrata la Trinità cristiana: potenza (Padre), intelletto-verità (Figlio), volontà-bene (Spirito Santo).
Dio crea le monadi per fulgurazione, cioè per emanazione o irradiazione immediata, e le accorda con l'armonia prestabilita, procurando l'esistenza del migliore mondo fra tutti quelli possibili: è questo l'ottimismo leibneziano.

Scrive Leibniz nella sua Monadologia: “Io Dio c’è la potenza, che è la fonte di tutto, poi l’intelletto, che contiene le idee, e infine la volontà, che fa le produzioni secondo il principio del meglio. Ciò risponde a quello che nelle monadi create e il soggetto o la base, la facoltà percettiva e l’appetitiva. Ma in Dio questi attributi sono perfetti, e nelle monadi sono imitazioni, in ragione della perfezione rispettiva.”

Aggiunge nei Principi della natura e della grazia: “Della perfezione suprema di Dio segue che egli, producendo l’universo, ha scelto il migliore possibile, in cui v’è la più grande varietà unita al più grande ordine, in cui le creature hanno la massima potenza, conoscenza, felicità e bontà che l’universo poteva consentire.”

Registrati via email