Ominide 50 punti

Kant Immanuel: La rivoluzione Copernicana

Dopo aver mostrato la struttura della conoscenza, si interroga allora, come tali giudizi possano formarsi e introduce in tal senso la “grande luce”, che avvia kant ad una vera e propria “rivoluzione copernicana”: come copernico aveva invertito il rapporto tra terra e sole, così kant inverte il rapporto tra oggetto e soggetto della conoscenza. anziché pensare che le nostre strutture mentali umane si adattino alla natura, bisogna pensare che la natura si modelli sulle strutture umane. la conoscenza parte dall’oggetto, ma al centro del sistema conoscitivo c’è un soggetto che organizza i dati dell’esperienza sensibile attraverso strutture a priori dunque tutto inizia dall’esperienza (empirismo), ma non tutto deriva dall’esperienza (razionalismo) la ragione è modellata con strutture a priori universali e necessarie. per cui nella conoscenza è il soggetto a indicare le leggi, i criteri, i principi su cui strutturare i dati empirici che coglie con l’osservazione del mondo. infatti, secondo il filosofo tedesco, se si potesse tracciare la storia dei vari saperi, si può stabilire durante il processo storico di ognuna di esse che c’è stato un momento in cui dalla fase prescientifica attraverso la gran luce si è passati alla fase scientifica. un caso è la matematica e la fisica, la prima diventata sapere scientifico quando talete ne ha indicato i principi e le norme, l’altra con il lavoro di galilei e newton che hanno stabilito le regole e le leggi attraverso cui osservare il mondo. di conseguenza, sostiene kant, la metafisica è ancora in fase prescientifica, poiché non sono state stabilite norme e leggi da renderla un sapere universale e necessario. perciò in sintesi, il fondamento di tali giudizi è l’uomo, il soggetto umanità che gestisce la conoscenza su criteri universali e necessari. tuttavia, ne segue che il piano logico del soggetto non corrisponde necessariamente al piano ontologico.secondo hume, la casualità era un principio non necessario e universale (scetticismo); per kant, invece, è una legge che pur non appartenendo al mondo è tale in quanto è l’uomo stesso che l’ha stabilita.

Registrati via email