Ominide 4082 punti

Qual è l'orientamento di Hume?

Hume, insoddisfatto delle conclusioni a cui giungono Locke e Berkeley, conduce l'Empirismo alle sue necessarie e logiche conseguenze. Partendo dal presupposto che l'unica realtà, di cui si ha certezza, è l'esperienza psicologica, analizza accuratamente tale esperienza respingendo ogni influenza e pregiudizio che provengono dai principi della filosofia tradizionale e dalle convinzioni del senso comune. Così ritiene illogico e incongruente quanto ammette Locke riguardo alla certezza dell'io (intuizione), all'esistenza di Dio (dimostrazione), della natura e della sostanza, anche se questa non può essere conosciuta, e giudica soggettivo ed illusorio ciò che afferma Berkeley, relativamente alla sostanza spirituale, all'io e Dio.
Egli dichiara di voler rimanere dentro i limiti dell'esperienza e per questo rifiuta tutto ciò che è estraneo ad essa e la oltrepassa: così nega l'io, Dio, il mondo esterno, che non sono oggetto di percezione diretta, e conclude inevitabilmente con lo scetticismo. Perciò esperienza ed osservazione sono i soli strumenti in possesso dall'uomo: usando questi mezzi Hume spera di poter indicare le leggi dei fatti psichici con la stessa chiarezza con cui Newton ha spiegato la legge di gravitazione universale, i fatti della fisica e dell'astronomia.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email