Ominide 50 punti

George Wilhelm Friefrich Hegel

Massimo esponente dell’idealismo nasce a Stuttgart il 1770 e muore a Berlino il 1831. Carateristica peculiare della sua filosofia è la Sistematicità e il suo porsi dal punto di vista dell’Assoluto, ripercorrendo in modo sintetico la realtà in tutte le sue varie manifestazioni. Hegel nella sua formazione filosofica è influenzato dalla speculazione: illuministica, romantica, kantiana, fichtiana e infine di Schelling.

Illuminismo: contesta all’illuminismo, nella maturità, la scissione tra ragione e realtà: per questi intellettuali, infatti, il reale non era sempre razionale. Convinto, invece, della razionalità del reale, contesta l’antistoricismo illuministico (per cui gli eventi storici vengono giudicati sulla base della scissione tra essere (=storia) e dover essere). Di matrice illuministica è inoltre, l’interesse giovanile per rivoluzione francese, ma poiché nella maturità non si espresse in campo politico si pensa, come era noto, fosse un conservatore.

Romanticismo: sin da ragazzo, si rivela pragmatico e concreto, non particolarmente sensibile alla “geniale follia” del R., cui contesta l’utilizzo del sentimento per accedere all’infinito →non crede che questa via immediata e intuitiva sia capace di condurre all’infinito. L’Assoluto, secondo Hegel è acquisibile solo attraverso la "Fatica del concetto" ossia una lunga e complessa strategia.

Kant
: Hegel rifiuta il punto di vista gnoseologico kantiano, negando il dualismo fenomeno-noumeno. Secondo Kant, l’Assoluto è solo un’aspirazione umana. Per Hegel, invece, esso si può conoscere in modo scientifico (non sperimentale). Gli contesta, poi in ambito morale, lo scontro fra essere e dover essere e infine gli impugna la filosofia del finito →intende creare una filosofia dell’Assoluto)

Schelling: lo critica per aver inteso l’unità dell’Io e del non-Io in modo statico dal momento che intende tale rapporto secondo un divenire processuale. L’Assoluto di Schelling, non consente di spiegare la molteplicità e l’astratto; quella hegeliana, invece, è concreta, storica, diveniente.

Registrati via email