Galileo Galilei

La vita
Galileo Galilei, nato a Pisa nel 1564 e figlio di un musicista, nell'adolescenza compie studi umanistici e musicali. All'università segue dapprima corsi di medicina che poi abbandona per dedicarsi alla matematica. A soli 25 anni diventa docente di matematica all'università di Pisa e, in seguito, all'università di Padova.
Nel 1609, perfezionando l'invenzione fatta da artigiani olandesi, Galilei costruisce un cannocchiale che gli consente straordinarie scoperte astronomiche; i satteliti di Giove, le macchie solari, i mari della luna, le fasi di Venere.
Nel 1633 viene condannato dalla Chiesa Cattolica prima al carcere e poi al confino per aver difeso le teorie di Copernico: il sole si trova al centro di un sistema, e la terra e gli altri pianeti gli ruotano intorno.
Fino alla morte, avvenuta nel 1642, benchè cieco, continua ad occuparsi delle sue ricerche e della stesura delle suo opere.

Le opere
Galilei è autore di numerosi trattati scientifici. Ricordiamo il Sidereus Nuncius scritto in latino, nel quale illustra la sua scoperta dei satelliti di Giove; il Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, in lingua italiana, in cui sostiene la teoria eliocentrica di Copernico contro il vecchio sistema geocentrico; i Discorsi e dimostrazioni matematiche sopra due nuove scienze che trattano dei suoi studi di dinamica e che rappresentano la prima esposizione sistematica, in forma moderna, di conoscenze scientifiche.

Registrati via email