Ominide 2387 punti

Galileo,pur non avendo conseguito titoli accademici,aveva una grande conoscenza matematica che lo portò a fare varie scoperte in questo campo e per questo motivo ottenne la cattedra di matematica dell'Università di Pisa per tre anni,durante i quali scoprì la legge di caduta dei gravi,mentre con la costruzione del cannocchiale si aprì la serie di scoperte astronomiche. Tra le più grandi opere di Galileo troviamo la battaglia per la libertà della scienza,in cui ne andava il futuro stesso dell'umanità. La controriforma aveva stabilito che ogni sapere doveva essere in armonia con le sacre scritture,e Galileo,nonostante fosse un uomo di fede,pensava invece che ciò avrebbe potuto ostacolare il libero sviluppo del sapere e danneggiato la stessa religione che,ancorata a tesi ritenute false dal processo scientifico,avrebbe finito per squalificarsi. Galileo affronta il problema dei rapporti tra fede e scienza tramite queste soluzioni: -La natura e la Bibbia derivano entrambe da Dio,come tali non possono contraddirsi tra loro ed eventuali contrasti sono solo apparenti; -le Scritture si sono dovute piegare alle esigenze umane mentre la natura ha seguito il suo corso; -la Bibbia non contiene principi che riguardano le leggi di natura,ma verità che si riferiscono al destino ultimo dell'uomo; ==> se la Bibbia è arbitra nel campo etico-religioso,la scienza è arbitra nel campo delle verità naturali.

Per comprendere bene il metodo galileiano bisogna attenersi alle sue scoperte: per la fisica aristotelica la quiete ero lo stato naturale dei corpi sublunari,essendo il moto qualcosa di temporaneo,che viene meno non appena cessa l'applicazione della forza che lo produce. I moti venivano divisi in due tipi:naturali(1) e violenti(2). 1.è il moto con cui un corpo si dirige verso il suo "luogo naturale"; 2.è il moto che lo conduce fuori dal suo luogo naturale. Galileo invece teorizza il principio di inerzia secondo il quale un corpo tende a conservare indefinitamente il proprio stato di quiete o di moto rettilineo uniforme finchè non intervengano forze esterne a modificare tale stato. Questo principio si rivela utile anche in campo astronomico,in quanto riesce a spiegare perché il movimento dei pianeti e della Terra potesse continuare indefinitamente. Tuttavia,ciò richiedeva la doppia presenza di una forza centrifuga e di una forza centripeta. La fisica di Aristotele pensava che la velocità di caduta dei corpi fosse direttamente proporzionale al peso dei corpi e che essa venisse accelerata dalla spinta che l'aria comunica al moto. Galileo invece ci dice che ogni corpo,qualunque sia il loro peso,cadono con la stessa velocità,ciò è dovuto alla resistenza del mezzo( dell'aria). Egli continua con i suoi studi e sviluppa il secondo principio della dinamica,il qualche dice che le forze applicate ai corpi non causano loro delle velocità,bensì delle accelerazioni. Con questa negazione della diversità tra moti rettilinei e moti circolari,arriva anche al rifiuto della diversa struttura tra cielo e terra==> Galileo aveva intuito la verità del copernicanesimo e perviene ad alcune scoperte. Tradizionalmente si riteneva che la luna fosse rivestita da una luce liscia e levigata,ma tramite il telescopio si dimostrò che essa aveva delle macchie scure.
Aristotele credeva che soltanto la Terra,essendo immobile,fosse al centro di moti astrali;Galileo invece scoprì i quattro satelliti di Giove,che compiono intorno ad esso movimenti analoghi a quella che la luna compie intorno alla Terra. Inoltre,la cosmologia tolemaica sosteneva che i corpi celesti,non fossero soggetti al divenire,Galileo però dimostrò che anche essi erano soggetti a fenomeni di alterazioni e mutamento. Per presentare i due maggiori modelli cosmologici della storia,vengono esposti in un dialogo in cui Galielo,per presentare le teoria geocentrica,sceglie Simplicio,un conservatore
attaccato al senso comune e all'autorità di Aristotele.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email