Nato a Pisa nel 1564, è colui che ha usato il cannocchiale per scopi scientifici e non per scopi magici. Nella sua prima oorra "sidereus nuncius" infatti comincia a guardare l'orizzonte circolare; la luna simile alla terra (con avvallamenti e non lineare come detto da Aristotele); identifica i satelliti di Giove che chiama 'stelle medicee'= così dimostra che il sistema solare è uguale ai satelliti di giove. Grazie al cannocchiale egli scopre che la Via Lattea è un ammasso di dtelle e non una scia come pensato prima.

Attraverso gli esperimenti vuole dimostrare che la terra compie un movimento e per far ciò prende ad esempio la nave che si muove di moto rettilineo uniforme. Dopo la partenza, la persona non sa se la nave di muove o no; quindi Galileo dice che nel moto rettilineo uniforme l'oggetto posto su un tavolo è fermo rispetto alla nave. Così gli uomini sono fermi rispetto al sistema di riferimento, in questo caso rispetto alla terra che gira. Per ricavare la formula della velocità media che è uguale allo spazio diviso il tempo, Galileo fa sensate esperienze perché questa legge dovrà essere verificata e verificabile. Nel 1615 viene ammonito dal cardinale Bellarmino perché è contro glu aristotelici e appoggia la concezione copernicana. Dopo la sua morte, Galileo scrive nel 1623 "Il saggiatore", un'opera polemica contro il matematico Orazio Grassi che sosteneva le orbite circolari delle comete intorno al sole e quindi per il filosofo era contrario al sistema copernicano. Nel 1632 pubblica la sua ultima opera: "Dialogo soora i 2 massimi sistemi del mondo, tolemaico e copernicano", un dialogo in italiano volgare e non in latino per evitare che fosse considerato filosofico: egli così esprime la sua posizione. Quest'opera si divide in 4 giornate e ha 3 personaggi principali :

1. Simplicio che sostiene il sistema tolemaico-aristotelico.
2. Sagredo che è un mediatore fra le 2 teorie.
3. Salviati che parla della teoria copernicana.
La prima giornata parla della distinzione fra mondo celeste e sublunare alla quale Galileo contrappone la teoria dell'unicità del mondo fisico descrivibile da un'unica scienza. La seconda giornata prende in considerazione la quiete o il moto uniforme di un sistema di riferimento. Nella terza giornata c'è la considerazione del moto annuale della terra (la rivoluzione che la terra compie intorno al sole). Nella quarta giornata vi è la discussione del teoria del fenomeno delle maree. Il "Dialogo" lo porterà alla condanna e all'abiura, in quanto Galileo è il primo che cerca di dare spiegazioni scientifiche sull'infinità dei mondi e sulla rotazione della terra. Rinnegando il suo pensiero, Galileo salva se stesso e i suoi libri dall'eresia. Muore a Firenze nel 1642.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email