walla89 di walla89
Ominide 50 punti

Destra e Sinistra Hegeliana

Dopo la morte di Hegel, i contrasti sorti sulla possibilità di conciliare la filosofia del maestro con la filosofia ortodossia cristiana protestante e con i fondamenti dello stato uscito dalla restaurazione, dividono gli hegeliani in due correnti: LA DESTRA E LA SINISTRA hegeliane, secondo la definizione di Strauss del1837.

Ad aprire la polemica è proprio la tesi di Strauss contenuta in Vita di Gesù, che affermava che le narrazioni evangeliche hanno carattere puramente simbolico e mitico, tramite le quali si riesce a collegare il DIVINO con l’ UMANO. Riguardo a questo punto:
• La Destra Hegeliana rifiuta l’ interpretazione di Strauss, persuasi dall’intrinseca concordanza tra hegelismo e cristianesimo, ravvisando anzi nell’hegelismo lo strumento più idoneo per giustificare sul piano filosofico le verità essenziali della religione cristiana (scolastica).

• La Sinistra Hegeliana, più importane dal punto di vista storico, era più critica riguardo la problematica religiosa, e più razionale. Tra gli esponenti troviamo appunto il filosofo Strauss, Feuerbach, Marx ed Engels. La religione secondo tali filosofi non ha alcuna funzione conoscitiva, e ciò che va rivalutato è la filosofia, poiché essa utilizza la ragione. Nella sinistra cominciano così ad evidenziarsi posizioni atee: l’ uomo può conoscere se stesso solo dopo che ha eliminato la religione.

Strauss: è un filosofo della sinistra hegeliana. Egli scrive la VITA DI GESÙ’, dove scrive che tutti gli elementi soprannaturali della vita di Gesù sono solo “bella invenzione” dei primi cristiani. Il vangelo ci parla di miti e invenzioni per insegnare i contenuti principali della religione cristiana. Il vangelo secondo Strauss, rafforza l’idea dell’unità tra FINITO ed INFINITO proposti da Hegel.

Bauer: inizialmente faceva parte della destra hegeliana ma passò ben presto alla sinistra. Secondo Bauer, Hegel rappresentava il prototipo dell’ateo poiché sostituì la filosofia alla religione. Bauer sosteneva che la religione cristiana faceva parte della preistoria dell’uomo, un periodo di sofferenza che va superato; l’uomo può diventare se stesso solo eliminando il cristianesimo. Per questa sua ideologia fu accusato di eresia e censurato.

Ruge: anche egli passo dalla destra alla sinistra. Ruge affermava che il filosofo deve occuparsi di politica e non di religione; sarà un sostenitore della “Real politic” di Bismark.

Stirner: egli vede un’ evidente contraddizione tra fede e razionalismo. Fu un allievo di Hegel al quale si oppone riguardo all’idea di INDIVIDUO, che riteneva unica realtà e valore; un essere egoista che è misura di tutte le cose. L’uomo essendo per esso stesso “l’unico” tenderà ad una politica anarchica, distruggendo la struttura dello stato tramite le insurrezioni.

Registrati via email