gaiabox di gaiabox
Ominide 3546 punti

Era l'astronomo di corte di Federico II di Danimarca e futuro astronomo di Keplero. Fu uno di quegli scienziati che non diete grandissimi contributi personali, ma che lasciò a Keplero un patrimonio di osservazioni astronomiche enorme. Passò tutte le notte all'osservazione dei pianeti e delle comete. Lui fu il primo in Europa ad avvistare che nella costellazione di Cassiopea era apparsa una nuova stella, ciò contraddiceva tutta la storia dell'astronomia e la teoria delle stelle fisse in cui non appaiono stelle nuove, della perfezione e dell'immutabilità. Non un fenomeno attribuibile alla realtà sublunare, della terra dove le cose cambiamo, ma una stella nella volta celeste. Lui non diede una spiegazione scientifica, l'apparizione di nuove stelle era rilegata all'avvento del viaggio dei tre remagi verso la Palestina, quindi non era necessario dare spiegazioni. Tycho Brahe aveva ricevuto in dono un'isola dove lui ebbe costruito il suo osservatorio astronomico. Pochi anni più tardi egli avvista una cometa, ma che cosa fossero le comete non era chiaro. L'osservazione della cometa dimostra che questo corpo celeste nello spostamento attraversa le orbite, ovvero quelle che dovevano essere sfere solide. Questo dimostra per la prima volta che le orbite non erano solide quindi. Quindi il suo lavoro fu fondamentale.

Egli è convito della superiorità del modello copernicano perché più armonioso, ordinato, semplice ed elegante. Quello che lui non accetta del modello è il moto della terra, il moto della terra è inspiegabile e impercettibile. Quindi la Terra rimane ferma, la Luna il sole e la sfera delle stelle fisse le orbitano intorno, tutti gli altri pianeti orbitano intorno al Sole, così si è uniti i due sistemi. La geostaticità e il geocentrismo, introducendo però il sole come secondo centro dell'universo, facendo orbitare tutti gli altri pianeti introno al sole. Questo sistema così sarebbe stato impossibile senza Tycho Brahe che scoprì che le sfere celesti non erano solide, immateriali. Solo grazie a questa scoperta è possibile solo grazie lui. Non avrà successo, ma ciò ci conferma che anche un astronomo con sufficienti enti conoscenze può formulare una teoria sull'odierno sistema solare. L'allievo di Tycho Brahe fu Keplero, il risolutore di gran parte dei problemi. Senza i risultati di Keplero oggi non ci sarebbe l'odierna scienza. Keplero parte dall'idea che l'universo in quanto sia il cosmo non può che seguire l'armonia e la proporzione, deve essere ispirato da principi di natura matematica. Egli cercherà di affermare l'idea che le orbite dei pianeti disegnassero in maniera concentrica esattamente i rapporti tra i 5 solidi regolari.

Registrati via email