pser di pser
Ominide 5819 punti

I MANICHEI

Nel periodo immediatamente successivo alla diffusione della fede cristiana in Italia e nelle altre zone del bacino del Mediterraneo, si diffusero diverse sette che interpretavano alcuni passi delle Sacre Scritture o alcuni aspetti della realtà in modo diverso dall’interpretazione ufficiale. Tra di queste si segnalano i manichei, una setta fondata da Mani di Babilonia, che postulava l’esistenza di due diversi e distinti principi che avevano dato origine alla realtà: un Dio che era all’origine della luce o più specificatamente del bene ( che veniva identificato con il Dio cristiano ) ed un altro che era all’origine del male.
Il mondo secondo i manichei era quindi costituito dalla mescolanza di questi due principi e, con la presenza di un Dio negativo, arrivavano anche a spiegare come, pur essendoci un Dio infinitamente buono e grande, esisteva il male. Questi due principi erano sempre in conflitto fra di loro ma, nell’ottica manichea, alla fine avrebbe avuto il sopravvento il principio positivo: tale setta alla fine venne condannata dalla chiesa cattolica anche grazie all’opera di Sant’Agostino, che si scagliò apertamente contro questa fede per mezzo della sua dottrina del male, il quale aveva anche fatto parte di questa setta negli anni della gioventù per poi abbandonarla.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email