Karl Raimund Popper ( 1902 – 1994 )

Il messaggio di Popper:
La conoscenza è un processo sempre rivedibile ed è il fondamentale presupposto della società libera”. Ma perché vengono smentite alcune nostre ipotesi, perché sono falsificate? Se io dico, guardando un gruppo di cigni bianchi: “tutti i cigni sono bianchi!”, questa affermazione è falsa, questo perché Popper identificherà la conoscenza ad un processo aperto.

I problemi
La conoscenza scientifica muove dal bisogno di risolvere i problemi all’ordine del giorno. Ma da dove nascono i problemi? Dall’urto tra le nostre aspettative consolidate e le nuove intuizioni.[Es. Scendo li scalini di notte al buio, penso siano finiti (aspettativa) invece ce ne è ancora uno (intuizione) ed inciampo]

Come risolverli
(termini equivalenti in Popper)

Dai dati empirici può essere solo smentita una teoria e non certificata. Una teoria che riceve soltanto conferme, tuttavia, risulta CORROBORATA, cioè fortificata dal fatto che per ora non ha subito alcuna smentita dal confronto con esperienze potenzialmente falsificanti.
È la FALSIFICABILITÀ delle teoria che la rende utile o vantaggiosa per l’uomo. Se faccio una supposizione non falsificabile, essa non sarà mai utile all’uomo.[Es. Domani sorgerà o non sorgerà il sole.]
( N.B. La psicanalisi e il marxismo sono per Popper teorie non scientifiche perché troppo vaghe e tali da non poter essere contraddette ) QUINDI IL PROGRESSO È IL SUSSEGUIRSI DI ERRORI!

Induzione

Popper ritiene che la ricerca di regolarità negli eventi naturali è una pretesa di CARATTERE DOGMATICO che contrast6a l’atteggiamento critico indispensabile alla scienza.

Cosa è una spiegazione scientifica
Bisogna fornire una spiegazione causale di un evento, in grado di descriverlo usando come premesse una o più leggi universali , insieme con alcune condizioni iniziali (asserzioni singolari).
Esistono due tipi di asserzioni:
1. UNIVERSALI: ipotesi con carattere di legge di natura
2. SINGOLARI: ipotesi specifiche per l’evento in questione

Dalle asserzioni universali - > deduciamo > con l’aiuto delle condizioni iniziali - > la condizione che è contenuta nell’asserzione singolare

Conoscenza oggettiva e il mondo
Secondo Popper, il mondo consiste di tre sotto-mondi antologicamente distinti:

1) il mondo fisico o il mondo degli stati fisici
2) il mondo degli stati mentali
3) il mondo delle idee in senso oggettivo, ossia il mondo degli oggetti possibili del pensiero: in particolare, il mondo delle teorie scientifiche e le loro relazioni logiche; degli strumenti in sé e delle situazioni problematiche in sé.
Essi sono infatti correlati in modo tale che i primi due possono interagire; anche gli ultimi due possono interagire. Così il Mondo 2, il mondo delle esperienze soggettive, interagisce con ciascuno degli altri due. Il Mondo 1 e il Mondo 3 non possono interagire, tranne che attraverso la mediazione del Mondo 2, il mondo delle esperienze soggettive. Cosa significa, per Popper, che il Mondo 3 (come, del resto, gli altri due) esiste oggettivamente?
Vuol dire che tale mondo "sebbene sia un prodotto umano, una creazione umana, esso successivamente, al pari di altri prodotti umani, mostra un suo ambito di autonomia". La conoscenza in senso oggettivo è conoscenza senza un conoscenza: essa è conoscenza senza soggetto conoscente".

Principi essenziali della società aperta
1) Libere elezioni
2) Regole e valori in grado di evitare il pericolo di un totalitarismo
3) Dialogo e confronto per tolleranza e convivenza democratica
4) Libertà di azione e pensiero ma rifiuto della violenza
5) Fiducia nella perfettibilità delle istituzioni
6) Rifiuto dell’utopia
7) Ispirata alla struttura morale della società tradizionale

Registrati via email