pexolo di pexolo
Ominide 5023 punti

Hans-Georg Gadamer


Uno dei principali esponenti dell’ermeneutica tedesca, prospettiva fondata da Heidegger, in alternativa a quella francese rappresentata da Paul Ricoeur; mentre quest’ultimo cerca di rivedere nell'ermeneutica una prospettiva filosofica che dialoga con le altre scienze, quella di Gadamer pone un’attenzione filologica nello studio dei testi, anche in quanto proveniente dal contesto culturale degli studi filologici della Germania nella prima metà del Novecento. Come Husserl, anch'egli ritiene che una ricerca sui Presocratici è di interesse attuale per la comprensione del nostro destino, in quanto le origini della nostra cultura hanno inizio in quel periodo culturale.

Principiare


Il principio, l’inizio della storia della filosofia, è un costante tentativo di ritornare sul problema originario della filosofia: di qui il tentativo di articolare il termine archè (principio) archèin (principiare). L’essere principio non ancora determinato in un senso o nell'altro è l’oggetto della filosofia: non è un oggetto unico e stabile, ma un soggetto a mutamento. È una parola, non già oggetto di riflessione, ma come un gesto concreto, quel gesto che pone l’uomo ad interrogarsi sul mondo come oggetto da scoprire in maniera sempre nuova. È possibile sempre in contatto con il mondo (relazione): il nostro domandarci è un costante interrogarci a partire dal Thàuma, ogni contatto con il mondo ci restituisce un modo diverso di argomentare suo mondo stesso.

Fondamento teoretico del principio


Il principio è tale solo se pensato in riferimento alla sua fine, è il principio di qualcosa: tra l’uno e l’altro c’è un legame indissolubile; ma se il principio già contiene la sua fine, allora il principio della storia della filosofia non diviene altro che una “filastrocca di opinioni” (racconto già dato) e pone il problema del pregiudizio.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email