La psicoanalisi per Freud

Sigmund Freud nasce nel 1860 in Moravia. Egli non è un vero e proprio filosofo, ma un medico. La psicoanalisi, fondata da Freud alla fine dell’800, è l’analisi della psiche; una disciplina a statuto scientifico che ha come dominio di indagine la conoscenza dell’individuo attraverso il soggetto stesso. La psicoanalisi è quindi un procedimento d’indagine dei processi psichici che si poneva come cura per i disturbi nevrotici.

Inconscio

Freud suddivide la psiche umana partendo proprio dallo studio dei questi disturbi; infatti ogni nevrosi scaturisce da un conflitto tra forze, forze che vengono dall’inconscio, insieme di processi che sfuggono alla coscienza, un’area della vita psichica non consapevole, in cui agiscono desideri, pulsioni e conflitti in cui sono depositati traumi ed esperienze emotivamente non accettabili dalla coscienza. L’inconscio si divide in preconscio e rimosso: il preconscio sono i ricordi che sono stati momentaneamente dimenticati ma che in virtù di uno sforzo di memoria possono diventare consci; il rimosso è l’insieme di elementi stabilmente inconsci e mantenuti tali da una specifica forza, la rimozione, che può venir superata solo attraverso particolari tecniche.

Le tecniche che Freud ha individuato per penetrare nella sfera dell’inconscio sono quattro: ipnosi, associazioni libere, lapsus o atti mancati, interpretazione dei sogni.
l'ipnosi è stata approfondita dallo stesso Freud con il caso di Anna O. Questo metodo permette di giungere ad un momento rimosso dal paziente che lo ha portato alla malattia.
Il metodo delle associazioni libere è quello privilegiato dallo scienziato austriaco poiché era meno invasivo dell’ipnosi. Si tratta di mettere il malato in condizione di agio e confidenza con l’analista così da essere in grado di poter dire tutto ciò che gli veniva in mente. Era poi compito dell’analista ordinare tutti i pensieri del malato ed analizzarli facendo in modo che tra le varie parole da lui pronunciate si instaurassero delle catene associative collegate con il materiale rimosso che si voleva portare alla luce.
I lapsus, detti anche atti mancati, sono degli errori apparentemente casuali, bizzarri o privi di senso.
Per spiegare l' interpretazione dei sogni Freud scrive un' opera. I sogni, dice Freud, sono la “via regia che porta alla conoscenza dell’inconscio nella vita psichica”; ma la definizione più importante di sogno é “l’appagamento camuffato di un desiderio rimosso”. Freud distingue il contenuto del sogno in contenuto manifesto e contenuto latente. Il contenuto manifesto é lo svolgersi degli avvenimenti onirici, il contenuto latente sono il motivo del desiderio.

Psiche

Freud suddivide la psiche in tre sistemi, Inconscio, Preconscio e Conscio e tre istanze, Io, Es e Super-io.
L’Es é il “calderone” in cui vi sono tutte le esperienze, i traumi, i desideri tenuti nascosti attraverso la rimozione che costituiscono la matrice originaria della nostra psiche. non conosce “né il bene, né il male, né la moralità” ma obbedisce unicamente “all’inesorabile principio del piacere”.
Il Super-io é ciò che comunemente viene chiamato coscienza morale, ossia l’insieme delle proibizioni che sono state insinuate nell’uomo nei primi anni di vita e che lo accompagnano sempre in maniera consapevole.
L’Io é la parte organizzata della personalità che si trova a dover mediare le pulsioni che provengono dall’Es, dal Super-io e dall’esterno.

Sessualità e complesso edipico

La teoria della sessualità costituisce l'aspetto più "dirompente"della psicoanalisi e quello che ha generato le maggiori opposizioni. Freud fu condotto ad ampliare il concetto di sessualità, sino a vedervi un'energia suscettibile che si dirige verso le mete più diverse, energia che Freud denominò libido, ovvero la forza vitale che tende a esprimersi in desideri che premono per essere soddisfatti e la loro soddisfazione genera piacere. Freud elaborò un'originale dottrina della sessualità infantile, sostiene che lo sviluppo psicosessuale del soggetto avviene attraverso tre fasi,ognuna delle quali appare caratterizzata da una specifica zona erogena:fase orale, anale e genitale.

Il complesso edipico,consiste in un "attaccamento libidico" verso il genitore di sesso opposto e in un atteggiamento ambivalente verso il genitore di egual sesso.

Religione e civiltà

Freud afferma che la psicoanalisi è la chiave di volta per comprendere non solo alcuni aspetti della civiltà, ma l'origine e i caratteri della civiltà nel suo insieme. Gli eventi della storia altro non sono che conflitti dinamici fra Io, Es e Super-io.
Inoltre egli scorgeva nella religione un insieme di rappresentazioni sorte dal bisogno di rendere sopportabile l'infelicità e la miseria umana. la religione era per Freud, destinata a rivelarsi sempre più come un'illusione e, quindi, a soccombere.

Registrati via email