jeimo di jeimo
Eliminato 692 punti

Esistenzialismo

Movimento filosofico nato intorno al 1930, si basa sull'analisi dell'esistenza, questa esistenza è intesa come modo di essere proprio dell'uomo, analizzabile in termini di possibilità. E' perciò una filosofia della vita, non della ragione poiché esistere significa rapportarsi con il mondo. La corrente dell'esistenzialismo si contrappone al Romanticismo:
Durante il romanticismo, sull'uomo agisce una forza infinita di cui lui è solo manifestazione, mentre per l'esistenzialismo l'uomo è gettato nel mondo abbandonato a se stesso. Per i romantici inoltre, la libertà era infinita, x l'esistenzialista è finita e condizionata. Per quanto riguarda invece il progresso per i romantici esso è continuo, inesistente per gli esistenzialisti. Vi sono tre indirizzi dell'esistenzialismo, a seconda dell'interpretazione e del significato che danno alla categoria fondamentale per l'esistenzialismo: la possibilità.

Abbagnano classifica gli indirizzi:
1)Kierkegaard, Heidegger, Jaspers, Sartre.
In particolare per Kierkegaard la possibilità ha il potere di annullare il rapporto fra uomo e se stesso, il mondo e Dio. La possibilità è ciò che non si realizza.
2)Marcel: possibilità come potenzialità.
3)Abbagnano stesso: le possibilità devono rimanere tali e la ricerca umana deve stabilire limiti e condizioni.

Registrati via email