Genius 2527 punti

Adorno, Theodor Wiesengrund

Francoforte 1903 - Visp, Svizzera 1969
Filosofo tedesco

Entra giovanissimo all’Istituto di ricerche sociali di Francoforte, ma il nazismo lo costringe ad emigrare in America dove insegna a Los Angeles fino al 1950. Tornato in Germania è ordinario di filosofia e psicologia all’Università di Francoforte e direttore dello stesso Istituto di ricerche sociali da cui era stato allontanato prima della guerra. Fondatore, con Marcuse e Horkheimer, della Scuola di Francoforte, si distingue per il radicalismo della sua critica alla società e a capitalismo avanzato e per la ricerca di un’ideologia alternativa. Adorno sostiene che l’alienazione e la disumanizzazione dei rapporti umani sono le caratteristiche di questa società che vede la cultura ridotta a scienza, la scienza decaduta a tecnica, strumento di dominio sugli uomini. La condanna del neopositivismo, come filosofia dell’asservimento della cultura alla tecnica, lo conduce a un’interpretazione individualistica e anarchica perfino del marxismo, ispirando con le sue opere Dialettica dell’Illuminismo (1947) e Minima Moralia (1951) la “nuova sinistra” studentesca soprattutto in Germania e negli Stati Uniti. Più ancora influenza il pensiero del secolo con Filosofia della musica moderna (1949), caposaldo della musicologia contemporanea e La personalità autoritaria (1950), dove analizza anche la predisposizione al razzismo.

Registrati via email