Definizioni:

Forme: con il termine forma Aristotele indica il principio secondo il quale si regola il mondo materiale. Le forme hanno le stesse caratteristiche delle idee platoniche con la sola differenza che sono immanenti. Tutte le cose esistenti hanno una loro forma, ossia una propria organizzazione interna; la forma di ogni essere vivente è l’anima.

Idee: Sono entità trascendenti, e sono la legge seconda la quale, per Platone, si struttura il mondo materiale. Sono quindi principi assoluti, eterni, immurabili, perfetti e intelligibili. Esse sono degli ARCHETIPI cioè dei modelli di principi originali e Platone dà loro le stesse caratteristiche dell’essere Parmenideo, con la sola differenza che le idee sono molteplici. Esse sono di 3 tipi (idee valori, idee matematiche e scientifiche e idee naturali) e l’idea fondamentale che le unisce è quella del bene.

Essere: è il principio su cui si basa la filosofia ed è il fondamento che raccoglie tutte le cose. Il primo a formulare questo concetto fu Parmenide.

Divenire: è, secondo la filosofia, un flusso perenne; una realtà in costante trasformazione.

Relativismo: Esso stabilisce che non è possibile decidere ciò che è bene e ciò che è male attraverso criteri oggettivi, ma che ciascuno, secondo la propria esperienza, svilupperà un proprio concetto di bene o male, per se stesso.

Trascendente: è tutto ciò che si trova al di là del mondo materiale e non può essere conosciuto con i sensi, ma è percepibile solo con la ragione. Le idee Platoniche, ad esempio, sono entità trascendenti in quanto si trovano nell’Iperuranio.

Immanente: è tutto ciò che fa parte del mondo materiale e che è quindi percepibili dai sensi. Le forme di Aristotele sono entità immanenti.

Etica: è una delle scienze fondamentali per Aristotele ed è quella branca della filosofia che studia i fondamenti oggettivi e razionali che permettono di distinguere i comportamenti umani buoni, giusti, o moralmente leciti, rispetto ai comportamenti ritenuti cattivi o moralmente inappropriati.

Metafisica: è la scienza prima al di là della fisica. Essa è lo studio delle cause e dei principi primi, è la scienza dell’essere in quanto essere, della sostanza e di Dio.

Gnoseologia: è il settore della filosofia che si occupa dello studio della conoscenza. Per Platone esisteva un dualismo gnoseologico, ossia esistevano due gradi fondamentali di conoscenza: la scienza e l’opinione.

Ontologia: è una delle branche fondamentali della filosofia, ed è lo studio dell'essere in quanto tale. Per Platone esistono due diversi livelli dell’essere, le cose e le idee.

Estetica: è un settore della filosofia che si occupa della bellezza e della distinzione tra ciò che è bello e ciò che non lo è.

Materialismo: è la concezione filosofica per la quale l'unica realtà che può veramente essere detta esistere è la materia e tutto deriva dalla sua continua trasformazione

Registrati via email