Ominide 22 punti

Platone - Simposio


Per Platone la filosofia é arte erotica e questa coincide con l'amore.Scrive il dialogo "Simposio" che parla ,appunto,dell'amore.L'ambientazione è quella di una bevuta collettiva.Dopo la cena i greci mandavano via le giovani che danzavano e suonavano e si sdraiavano e bevevano vino si dialogava su una tematica che per il "Simposio"è l'amore. Il vino era allungato con l'acqua perché era molto forte ed era messo in una coppa che si passava, quando giungeva a ogni persona questa doveva argomentare la tematica scelta in precedenza.
~Personaggi del "Simposio"
Agatone :il proprietario dell'ambiente di discussione, vincitore di una competizione letteraria invita i suoi amici(solo uomini) a casa sua.
Fedro : allievo di Socrate
Pausania: politico sofista
Erissimaco: medico
Aristofane: commediografo
Socrate:filosofo
~Argomentazioni
(Fedro) L'amore è un dio antichissimo il primo tra tutti gli dei .Il mondo da caos e diventato cosmo grazie a Eros. L'amore è un dio potentissimo e tutti si possono innamorare di esso. Fedro parla degli effetti dell'amore sugli amanti che possono anche essere devastanti. Per esempio "morire per amore ".
(Pausania) Parla dell'amore da un punto di vista legislativo. Si concentra sull'amore tra uomo e giovinetto e si chiede se sia lecito. Risponde in modo affermativo solamente se c'è uno scambio educativo e non un godimento fine a se stesso. Educare il giovinetto alla sessualità che successivamente avrebbe avuto con la donna era infatti compito degli uomini.
(Erissimaco) Parla da sessuologo. Per lui L 'amore governa i fenomeni biologici e bisogna cercare la salute anche nei rapporti di tipo erotico.
(Agatone) Parla di un eros narcisista ,c'è quindi un'autocelebrazione della bellezza. Attribuisce all'amore tutte le perfezioni.
(Aristofane) Lui narra una storia. In origine gli uomini erano doppi. Esistevano infatti tre sessi. Il maschio con due membri maschili, la femmina con due membri femminili e l'androgino con un membro maschile ed un membro femminile. Un giorno non volerò ascoltare gli dei. Zeus era infastidito da loro così li taglio a metà. Questi sono disperati e piangono si lasciano morire. Zeus allora ordina di sistemarli in modo che loro membri si possano unire. Così una metà continua a ricercare l'altra finché non rimangono uniti per sempre. Per Aristofane l'amore é il desiderio di ricomporre l'unità perduta( 1/2+1/2=1). Questo non è però il pensiero di Platone. Per lui l'amore è più dell'unione tra due persone. Quest'unione deve dare qualcosa (1+1=3).
(Socrate) Esprime il pensiero di Platone grazie al mito "della nascita di Eros che dice di aver sentito dalla sacerdotessa Diotima. Gli dei organizzarono un banchetto per celebrare la nascita di Afrodite. Tutti sono invitati tranne la povertà (Penìa). Tra gli invitati c'è anche Poros(inganno,furbizia). Poros è ubriaco e si addormenta. Penìa alla fine giunge al banchetto per mendicare qualcosa. Accorgendosi di Poros dormeinte decise di voler avere un figlio da lui. Le si sdraia accanto e nacque così Eros. Esso è alla ricerca del bello perché è nato dal banchetto di Afrodite (bellezza), come la madre è povero e non è delicato e bello . Ha quindi una componente di mancanza, ma come il padre è coraggiosa, audace, e ricco di trappole. È un demone( né uomo né Dio) lui infatti non è mai né povero nè ricco, ma sta a metà strada, come la filosofia che non è né ignoranza nè sapienza. Non è ignoranza poiché gli ignoranti credono di saper tutto e non si dedicano alla filosofia e non è sapienza perché gli dei sono già sapienti. Chi si dedica a essa è a metà strada proprio come Eros. Lui è mancanza di bellezza ma di aspira, mentre i filosofi mancano di sapienza ma vi aspirano. L'amore per Socrate non è solo ritrovamento dell'anima gemella, deve essere innovativo, deve andare oltre il possesso dell'amato. Non si soddisfa mai di ciò che ha. C'è una tensione verso una conoscenza superiore.
~Ascesa dell'amore
Amore carnale ->amore che coglie la bellezza in tutti corpi-> amore che accede alla bellezza dell'anima-> amore verso la bellezza di tutte le azioni(dell'anima)-> bellezza delle scienze-> amore che aspira all'idea di bellezza di sé e di per sè.
Più si sale e più le bellezze diventano solide: le idee rimangono identiche. Senza il corpo però non c'è nessuno stimolo. Si parte proprio da questo per risalire .
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email