Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Platone - Simposio - Erissimaco

Analisi discorso di Erissimaco nel Simposio

E io lo dico a Skuola.net
Analisi discorso di Erissimaco nel Simposio
Erissimaco (rappresentante dell'ordine dei medici greci, ispirato ai filosofi naturalistici).

DISCORSO DI ERISSIMACO
Pronuncia un elogio a Eros basandosi sulla teoria precedentemente citata da Pausania, secondo cui Amore è scindibile in due parti; Eros non esiste solo nelle anime degli uomini, ma anche nei corpi di tutti gli animali e dei vegetali. E' rivolto verso quelli che sono belli, e pure verso altre cose e altre sedi. Ciò esplica come questo grande dio estenda il suo potere su ogni cosa sia umana che divina E' dall'Eros Uranio che deriva la felicità e l'armonia tra le varie parti del corpo e l'anima; invece dall'Eros Pandemio scaturiscono il disordine e la sofferenza.
Erissimaco riprende il punto di vista della medicina ippocratea

Discorso di Erissimaco
E' vero quel che dice Pausania sui due tipi di amore: egli però ha omesso di dire che l'amore non riguarda solo gli esseri umani, ma anche tutti gli altri esseri viventi. La scienza chiamata medicina, di cui Erissimaco è rappresentante, insegna che esiste un amore sano, volto al bene, ed un amore malato, volto al male: ogni qual volta un essere cade in quest'ultimo tipo di amore, si ammala; il bravo medico sa che il suo compito consiste appunto nel contrastare questa tendenza perversa innata in tutti gli esseri viventi, favorendo l'amore positivo. D'altronde non è diverso il ruolo della musica, dell'astronomia, della divinazione, discipline tutte che tendono a ristabilire la giusta inclinazione verso l'amore sano.

Attraverso una opportuna selezione di passi, poni a confronto i discorsi di Fedro, di Pausania e di Erissimaco sui seguenti punti:
- lo "stile" di pensiero e di esposizione utilizzato da ciascuno;
- i caratteri di Eros così come vengono desunti dalla tradizione cui ciascuno dei tre fa riferimento;
- gli elementi filosofici della loro concezione dell'Eros.

Il rapporto tra idee e cose è spiegato nei dialoghi:
•cose rivelano le idee = parousìa,
•le cose partecipano delle idee =metèsi
•le cose sono causa delle idee =aitìa.
•le cose imitano le idee =mimesi
Il medico Erissimaco mette in luce la duplicità di Eros, che è in realtà la duplicità cosmica del fondersi dei contrari.
Contenuti correlati
Accedi con Facebook
Registrati via email