LA DOTTRINA PLATONICA DELL'ARTE

Platone condanna l'arte per tre motivi:
1- allontana dalla realtà in quanto si limita a riprodurre l'immagine di cose e di eventi naturali che, a loro volta, sono riproduzioni delle idee e inoltre l'arte, sostanziandosi solo di immagini, possiede il valore conoscitivo più basso;
2-Platone ritiene che l'arte possa corrompere gli animi;
3-desidera sbarazzarsi della poesia, arte che prima della nascita della filosofia aveva improntato l'educazione giovanile e che avrebbe continuato a rivendicare il proprio ruolo formativo.
La condanna platonica non riguarda però la musica in quanto scienza dell'armonia e i miti poiché essi non sono visti come riproduzioni imitative del mondo sensibile ma come tentativi di rappresentare alla mente contenuti che vanno al di là di ciò che è empirico. La condanna platonica dell'arte non riguarda dunque le concezioni erronee dell'arte ma non tutta l'arte di per sé infatti, quando l'arteè assoggettata alla filosofia allora non è affatto da rigettare. Da questo punto di vista Platone accoglie l'idea della kolokagathia secondo il quale la bellezza è la forma esteriore della bontà.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email