sc1512 di sc1512
Ominide 5761 punti

I Cinque Grandi Dialoghi Dialettici di Platone

Tra i Dialoghi Dialettici di Platone ne risaltano cinque: il Parmenide (il più complesso), il Teeteto, il Filebo, il Sofista e il Politico.

I Dialoghi Dialettici sono molto importanti perché:
_viene illustrata l’Idea del Bene, quell’Idea che rende tutte le altre Idee riconoscibili;
_le Idee interagiscono;
_l’Essere ha cinque modalità per presentarsi (per essere descritto), che vengono individuate nel Sofista: Esiste, Quiete, Movimento, Identico e Diverso.
_l’Anima Vivifica i Corpi, quindi noi siamo capaci a dire di no agli impulsi provenienti dai sensi; l’Anima è in grado di riconoscere le cinque modalità dell’Essere, poiché prima di incarnarsi ha visto l’Idea.

Il Parmenide è un dialogo a quattro: vi sono un giovane d’Atene favorevole alle idee di Parmenide, Parmenide stesso, Zenone (suo allievo) e Socrate (ancora giovane).

In questo testo viene illustrato come intendere le idee.

Nel Parmenide Platone mette in collegamento Eraclito con Protagora e Parmenide con Gorgia. Lui si ritiene più vicino a Parmenide; nonostante ciò dice che Parmenide è troppo radicale: Parmenide dice che se l’idea è qualcosa, non c’è un motivo per cui questa possa collegarsi ad un altro ente; ad esempio se l’idea di bellezza è una cosa, non si capisce come mai questa cosa possa dividersi in varie parti allo stesso tempo e quindi condividere le sue parti con tanti oggetti considerati belli. Questa è la prima contraddizione che viene evidenziata.
Seconda Contraddizione, chiamata da Aristotele “Teoria del III Uomo”: se l’idea è una cosa e se questa cosa è un modello di riferimento per altre cose, non si capisce in che rapporto stiano queste cose.
Terza Contraddizione: se le idee sono cose lontane dai sensi (e quindi dal mondo), e proprio per questo sono per noi irriconoscibili.

Si arriva alla conclusione che le Idee sono il modo attraverso il quale noi esprimiamo dei giudizi sintetici: le Idee legano i concetti tra di loro in tre tipi diversi di modi: per Partecipazione, per Inclusione e per Esclusione.

Tutte le Idee si legano nella “Teoria dell’Uno (o del Bene)”; per i Greci il Buono è ciò che è efficiente, ciò che innesca un processo e dunque permette alle Idee di esistere e le stesse Idee permettono l’esistenza degli oggetti.
Noi riconosciamo due oggetti uguali perché c’è un legame tra le loro due Idee.

Platone introdusse anche la Tripartizione dell’Anima: questa può essere:

_Concupiscibile – basata sui desideri corporei;
_Animosa – basata sulla creazione/generazione del coraggio;
_Razionale – riesce ad approdare alla Noesis (la Filosofia).

Essere=Rapporto=Dialettica – Essere=Dialettica

Tutti i Dialoghi Dialettici di Platone sono l’uno collegato all’altro: dove finisce uno, inizia l’altro.

Nel “Sofista” si dice che il Filosofo non è un Sofista, quindi Platone fa due distinzioni: l’Essere Ontologico di Parmenide e il Non Essere Logico di Platone; l’Essere di Platone è inteso più come un rapporto, da questo l’idea che si può collegare l’Unità con la Totalità.
Questo Dialogo termina con la domanda “Cos’è il Filosofo?”, senza alcuna risposta completa; la vera risposta la si ha in un altro Dialogo Dialettico di Platone: il “Politico”.

Proprio nel Politico, infatti, si paragona quasi completamente il Filosofo al Politico; Platone comunque condanna quei 30 Tiranni che condannarono Socrate e anche Protagora.
Sempre nel Politico viene illustrato quel metodo Dialettico che porta a trovare una definizione, ossia il Metodo Dieretico: a partire da una definizione, si sceglie una possibilità scartandone un’altra e cos’ via.
Ovviamente in questo Dialogo Platone da due definizioni del Politico:
1-il Politico è un Pastore di Uomini, quindi il Politico dovrebbe condurre al bene il popolo;
2-il Politico deve essere un “Tessitore”, ossia deve unire differenti parti della popolazione in un unico gruppo di cittadini.

Nel “Filebo” viene trattato il rapporto tra il Limitato e l’Illimitato, dove il Limitato corrisponde a ciò che è Incompiuto, Imperfetto, mentre l’Illimitato a ciò che è Compiuto, Perfetto (secondo l’idea Greca).

Platone con i suoi Dialoghi va a diventare il padre del Razionalismo, Anima=Mente ed è il Logos ad unire le Idee e a permettere la Definizione (i Giudizi).

Registrati via email