Ominide 30 punti

Democrito e Leucippo

LeucippoLeucippo nasce a Mileto, va ad Elea dove conosce la filosofia eleatica, per poi andare ad Abdera dove fondò la scuola che sarà portata al massimo livello da Democrito.

Democrito
Democrito nasce ad Abdera, di lui ci sono pervenuti molti scritti soprattutto sul corpus della scuola. S’interessa al problema della storia dell’umanità e dell’origine del linguaggio umano, inoltre al problema etico e all’origine delle religioni.

Atomismo

forma emblematica di MECCANICISMO e MATERIALISMO(la realtà dei viventi non rimanda alla materia), ATEISMO (non c’è un nus che garantisce l’ordine nel cosmo), CASUALISMO. Il divino coincide con gli atomi psichici. Anche gli Atomisti ribadiscono il fatto che il nascere equivale all’aggregarsi d’elementi, e la morte equivale al separarsi d’elementi.

Questi elementi sono gli atomi, che sono indivisibili, e sono tutti differenti:
1 L’atomo A differisce dall’atomo B per forma e ordine
2 L’atomo A differisce dall’atomo Z per posizione
Gli atomi non sono percepibili con i sensi ma solo con l’intelligenza. Hanno bisogno del vuoto (non-essere), perché senza il vuoto non potrebbero differenziarsi e nemmeno muoversi.
Nell’Atomismo bisogna distinguere tre tipi di movimento:
1. movimento caotico, come il volteggiare del pulviscolo atmosferico
2. movimento vorticoso, aggregamento degli atomi in modo da disporsi in modo diverso e generare varie cose
3. movimento sprigionato dagli atomi che forma gli effluvi
Il cosmo secondo loro è effetto di un incontro meccanico tra gli atomi, non progettato o prodotto d’intelligenza. Esistono due mondi: il mondo privo d’acqua e quindi senza esseri viventi, e il mondo inzuppato d’acqua con tanti esseri viventi. I mondi possono avere più lune e più poli. Sono famosi perché pongono il mondo a caso, infatti condannati da Dante all’inferno per questa affermazione.
La conoscenza deriva dagli effluvi d’atomi che vengono sprigionati da tutte le cose e che vengono a contatto con le cose. Il simile conosce il simile. L’anima è la dimora della nostra sorte, un aggregato d’atomi (leggeri, pesanti e nobili), nell’anima sono presenti le radici della felicità dell’infelicità.

Registrati via email