Genius 5605 punti

Le scuole socratiche minori

Oltre a Platone ci furono molti altri seguaci di Socrate che si rifecero al loro maestro e aprirono diverse scuole in tutto il mondo greco che presero il nome di scuole socratiche minori, e che rappresentarono lo sviluppo successivo della filosofia dopo la prematura e ingiusta morte di Socrate. In realtà si discostarono un po’ dal pensiero di Socrate, ma comunque sono riconoscibili come dirette discendenti del filosofo di Atene. Le principali scuole socratiche minori furono due. La prima è detta scuola cinica e fu fondata da Antistene. Da qui derivò il termine italiano “cinico”, che indica una persona capace di sfruttare le opportunità che gli capitano nel corso della vita. Come Socrate dissero che l’unica virtù era la scienza, ma, a differenza del loro maestro, insistono nel rifiuto di ogni altro aspetto della vita che non fosse rappresentato minimamente dalla scienza. Così i cinici criticarono duramente l’eleganza, la ricchezza, la pulizia e molti altri di quelli che erano i precetti base della filosofia sofista. Vivevano come cani e il termine stesso “cinici” deriva da una parola greca che significa “cane”. Fu una scuola estrema che condannava le emozioni e tutto ciò che differiva dalla ragione. Il più famoso fu Diogene il quale si racconta che girasse con una lanterna alla ricerca dell’“uomo”. Il termine “cinico” è andato poi a indicare una persona che non si interessa per nulla del prossimo. La seconda scuola fu detta scuola cirenaica e venne fondata da Aristippo. Predicava che l’uomo, per essere felice, dovesse seguire il criterio naturale del piacere vero, cioè quello immediato.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email