Ominide 123 punti

Epicuro

La prima scuola filosofica in età ellenista fu la quella di Epicuro,il quale scelse come luogo per fondarla il giardino di un edificio posto lontano dalla confusione della città,vicino il silenzio della campagna. Da qui il nome “giardino” che fu dato alla sua scuola, tanto che i filosofi che vi aderirono furono detti i filosofi del giardino o più semplicemente epicurei
I principi fondamentali sono:
• La realtà è perfettamente conoscibile agli uomini
• È possibile per l’uomo trovare la felicità
• Per trovare la felicità l’uomo ha bisogno di se stesso
• All’uomo non servono la città,le istituzioni,le ricchezze e gli dei
L’uomo è perfettamente autarchico,basta a se stesso. La funzione di Epicuro è la stessa di un missionario,vuole indicare un nuovo modo di vivere e di fatto rende accessibile la sua scuola a tutti,ricchi e poveri,uomini e donne. La filosofia epicurea è una fede nell’al di quà, nega qualunque metafisico,resta legato al mondo fisico e non crede nei risultati ottenuti attraverso la seconda navigazione di Platone. Per Epicuro vale addirittura il contrario di quanto detto da Platone che aveva sostenuto la non veridicità delle sensazioni, poiché secondo egli attraverso le sensazioni conosciamo la realtà, per Epicuro le sensazioni sono annunciatrici del vero. Tra le sensazioni le più importanti sono quelle legate al piacere e al dolore perché non solo ci permettono di distinguere il vero dal falso ma anche il bene dal male,e quindi diventano uno strumento sulla base del quale effettueremo le nostre scelte,infatti l’uomo tende a scegliere le cose che gli procurano piacere e a evitare quelle che gli provocano dolore.

Registrati via email