Sapiens 2037 punti

Anassagora

Nella sua ricerca del principio primo, Anassagora (499-428a.C.) sostiene che, non può esistere una sola radice delle cose, ma innumerevoli. Anch'esse sono piccolissime come gli atomi, ma non indivisibili. Le "particelle" di Anassagora sono differenti dagli atomi perchè gli atomi sono uguali per natura e si differenziano per quantità, le particelle, invece, differiscono per natura, per qualità. Anassagora le chiamò: Semi. Le cose dunque sono costituite dai propri semi, e contengono anche i semi di tutte le altre specie. Da qui il principio del Tutto in Tutto dal quale volle spiegare il fenomeno della nutrizione. Anassagora parla poi di intelletto. L'ordine complessivo e meraviglioso del mondo è frutto di un'intelletto:
- divino: ovvero và al di là della capacità di intelletto umane;
- ordinatore: ma non creatore del mondo (principio razionale);
- distinto dal mondo: non è mischiato ad altre cose.
Per Anassagora esistono due conoscenze:
-conoscenza sensitiva: ci dà appena l'opinione.
-conoscenza intellettiva: ci dà la verità.

Registrati via email