Home Invia e guadagna
Registrati

Password dimenticata?

Registrati ora.

Scrivere la premessa e la conclusione di una tesina

Una breve guida che spiega cosa scrivere nella premessa, nell'introduzione e nella conclusione di una tesina di maturità

di: Cristina.M - 04 ottobre 2013 9 commenti
E io lo dico a Skuola.net
premessa a tesina di maturità

Come si scrive la premessa e la conclusione ad una tesina? Dopo aver finalmente terminato di fare i collegamenti tra le varie materie, giunge il problema di introdurre la propria tesina e giustificare le proprie scelte. Noi vi daremo una mano.

PREMESSA – Nella premessa dovete introdurre l’argomento della vostra tesina spiegando quali sono state le motivazioni che vi hanno portato alla scelta dell’argomento da trattare. Il tema, ad esempio, può essere stato scelto perché riguarda i vostri interessi personali o hobby, perché vi ha particolarmente colpito una spiegazione durante l’anno scolastico o perché avete partecipato ad un evento o ad una esperienza di laboratorio che volete condividere. Non è obbligatorio inserire la premessa, tuttavia, se breve e scritta bene, può essere uno strumento efficace per attirare l’attenzione dei prof della Commissione d’esame affinché leggano con interesse l’elaborato. È consigliabile pertanto scrivere la premessa in prima persona in modo da rivolgervi direttamente ai professori.

INTRODUZIONE – Da non confondere con la premessa. Nell’introduzione, infatti, non dovrete scrivere le motivazioni che vi hanno portato alla scelta del tema, bensì dovrete fare un sommario degli argomenti trattati in ogni materia spiegando i collegamenti tra di esse ed il tema principale della tesina. Anche qui cercate di essere brevi e concisi. Inoltre considerate che non è necessario collegare l’introduzione alla prima materia che tratterete nella tesina, quindi sentitevi liberi di citare i vari collegamenti come meglio credete.

CONCLUSIONE – Vi consigliamo di scriverla proprio alla fine, quando avete terminato di redigere tutta la tesina, come sforzo finale. Questo perché nella conclusione vanno “tirate le somme” del vostro lavoro e dovete essere pronti a spiegare i vari ragionamenti che avete fatto. Non dovete cadere nell’errore di riassumere semplicemente l’argomento trattato. Dovete piuttosto spiegare il senso del lavoro riprendendo l’idea iniziale illustrata nell’introduzione e aggiungendo i risultati a cui il vostro ragionamento, approfondito attraverso i collegamenti alle varie materie, vi ha portato. Per le tesine di carattere tecnico, nella conclusione va inserita la dimostrazione della tesi iniziale o i risultati a cui un esperimento è giunto.

Leggi gli altri consigli per superare la maturità:
Guide esame di maturità 2014
Contenuti correlati
Oppure registrati per copiare