Habilis 7402 punti

La forza centripeta e centrifuga

Quando un corpo, muovendosi, descrive una circonferenza, è dotato di moto rotatorio. Quando la forza agisce sui corpi in moto rotatorio?
La risposta te la fornisce un esperimento: all'estremità di un elastico lega una gomma; quindi, come se si trattasse di una comune fionda, tenendo in mano un capo elastico, fa ruotare la gomma. Osserva che l'elastico entra in tensione e si allunga. L'allungamento è tanto più considerevole quanto maggiore è la velocità di rotazione. Poichè l'elastico si allunga, puoi dedurre che alla sua estremità sono precisamente, la mano esercita una forza verso il centro di rotazione: tale forza si trasmette lungo l'elastico fino alla gomma e obbliga la gomma stessa a deviare continuamente vincendo la sua inerzia di direzione.
Questa forza si chiama forza centripeta ed è esercitata dalla mano sulla gomma, tramite l'elastico. A sua volta la gomma esercita una forza diretta radialmente verso l'esterno: tale forza si trasmette lungo l'elastico fino alla mano, forzando la mano stessa.

Infatti ti accorgi che la tua mano è tirata verso l'esterno e rimane ferma al centro di rotazione grazie a un proporzionato sforzo muscolare. Questa forza esercitata dalla gomma sulla mano, tramite l'elastico, si chiama reazione centrifuga.
Puoi quindi concludere che, quando un corpo si muove di moto rotatorio, si manifestano due forze:
-forza centripeta= diretta dalla periferia al centro ed esercitata dal vincolo sul corpo che si muove di moto rotatorio;
-forza o reazione centrifuga= diretta da centro della periferia ed esercitata dal corpo che si muove sul vincolo, con tendenza a romperlo.

Registrati via email