Ominide 914 punti

forza, resistenza e velocità


La forza è la capacità degli apparati neuromuscolari di vincere o di opporsi a un carico esterno. In base ad alcune caratteristiche la forza si può dividere in: FORZA MASSIMA cioè la massima forza espressa con una sola contrazione; forza veloce, ossia la contrazione di forza più veloce possibile; forza resistente, ossia la forza che si usa per un lavoro prolungato nel tempo. I motivi per allenare la forza sono diversi come riabilitativi, estetici, sportivi, formativi. Tuttavia bisogna tener conto dell’ età, del sesso, dell’ obiettivo tenendo conto che è pericoloso eseguire sovraccarichi in età evolutiva.
Principi generali
• Se si allena la forza in età evolutiva, si ha un aumento del numero delle cellule (iperplasia).
• Dopo lo sviluppo si ha solo un ingrossamento delle cellule (ipertrofia).

• L’ allenamento deve essere sempre graduale cioè dal più leggero al più pesante.
• Per allenare decentemente la forza occorrono due mesi per 3-4 allenamenti settimanali.
Per migliorare la forza occorrono esercizi ripetuti (ripetizioni) e l’ insieme delle ripetizioni è chiamata serie; tra une serie e l’ altra si effettua una pausa di recupero.

Velocità

La velocità è una capacità condizionale che permette di eseguire azioni motorie nel minor tempo possibile. La velocità dipende soprattutto dal sistema nervoso ed è determinato a livello GENERICO. Rispetto alle altre capacità condizionali l'allenabilità della velocità è inferiore (18-20 %) ed è solo in età precoce (6-13 anni).
METODOLOGIA dell'allenamento.
Condizioni generali
• Le esercitazioni devono essere svolte riposati;
• L’ esercizio non dura meno di 6-7 secondi.

Resistenza

La resistenza è la capacità che permette di eseguire un lavoro muscolare per tempi prolungati. La fatica è un sintomo che indica l’ esaurimento dell’ energia a disposizione o il mancato utilizzo. La resistenza si può classificare in resistenza aerobica e resistenza anaerobica e l’ utilizzo dell’ una e dell’ altra dipende dall’ intensità.

Metodologia dell'allenamento della resistenza

I modi per allenare la resistenza sono due: continuativo e intervallato.
Metodo continuativo cioè senza pause:
• Corsa lenta e velocità costante;
• Corsa con ritmo variabile (farthlek);

• Corsa con variazione di pendenza.
Metodo intervallato
Corsa che prevede fasi di attività alternate a pause di recupero (intensità, durata, ripetizioni e pause).

Effetti dell’ allenamento della resistenza

A livello generale si ha: il miglioramento della capacità di recupero, si riducono i traumi, aumenta la capacità di sopportazione psicologica alla fatica, la salute diventa più stabile.
A livello fisiologico si ha: l' aumento della forza e del volume cardiaco, una diminuzione della frequenza cardiaca a riposo, un miglioramento della capillarizzazione, un aumento del volume del sangue e del volume polmonare, una diminuzione dei fattori di rischio delle malattie cardio-circolatorie.

Registrati via email