Il gioco del basket è nato nel Nord-Est degli Stati Uniti d'America, precisamente nel Massachusetts. In Italia lo chiamiamo pallacanestro o basket, abbreviazione del termine originale inglese basketball. A inventarlo fu un insegnante canadese, James Naismith, che voleva vivacizzare le noiose lezioni invernali di ginnastica.
La prima partita di basket si disputò il 15 dicembre 1891 fra due squadre di nove giocatori, che utilizzarono, al posto dei moderni canestri, due cesti per la raccolta delle pesche appesi alle estremità della palestra. Il 15 gennaio del 1842, considerato oggi il giorno della nascita ufficiale del basket, fu pubblicata la prima versione del regolamento del gioco (13 norme in tutto); da allora la pallacanestro di diffuse negli Stati Uniti e,da lì, in tutto il mondo, fino a diventare uno sport olimpico in occasione delle Olimpiadi di Berlino del 1936.

Nel basket moderno le squadre sono composte da 5 giocatori, che devono "fare canestro", cioè far passare la palla dentro due cerchi di metallo posti parallelamente al terreno a 3 metri e 5 centimetri dal suolo. Ogni canestro vale 2 punti, oppure 3 punti nel caso in cui la palla sia lanciata da dietro una linea curva posta a una certa distanza dal canestro. Per spostarsi con la palla è necessario farla rimbalzare continuamente a terra (palleggio).

Oggi il torneo di pallacanestro più famoso e importante al mondo è quello americano, detto campionato NBA poiché organizzato dalla National Basketball Association (Associazione Nazionale del Basket), che raccoglie le squadre da tutto il territorio degli USA (circa 30) più una squadra canadese. Le squadre NBA più forti sono i Celtics di Boston e i Lakers di Los Angeles.
Gli anni Novanta del secolo scorso hanno visto una grande crescita della popolarità del basket, sopratutto grazie a Michael Jordan, il più spettacolare giocatore della storia.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Motoria per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email