La resistenza può essere classificata in base alla durata: di breve, media e lunga durata.
Resistenza di breve durata (Rbd) va da 40 sec a 2 min (atletica, ostacoli, sci, nuoto).
Resistenza di media durata (Rmd) da 2 min a 10 min (atletica, nuoto).
Resistenza di lunga durata (Rld) oltre i 10 min (atletica, marcia, sci, pattinaggio).
- da 10 min a 30;
- da 30 min a 90;
- oltre i 90 min.
Curiosità: si consuma più ossigeno e vi è più attività cardiaca nella Rbd e Rmd, perché l’attività aerobica è solo per un breve momento, mentre è maggiore l’attività anaerobica.

•• La resistenza fornisce l’ossigeno alla muscolatura e dipende dal sistema cardiocircolatorio-respiratorio.
In sintesi: per una buona attività di resistenza dobbiamo avere un buon sistema vascolare/del cuore e soprattutto un buon sistema muscolare, perché in situazioni di lavoro intenso l’attività di questi sistemi aumenta a dismisura.

•• L’allenamento della resistenza aerobica si ha con 130-140 battiti al minuto, non oltre, perché qui la gittata sistolica è al massimo. E la resistenza si allena con massima gittata sistolica e massimo tempo.

Prima si pensava che la resistenza si potesse allenare, mentre oggi si considerano anche fattori genetici.
•• Esistono due tipi di meccanismi energetici: l’aerobico e l’anaerobico lattacido.
Nell’aerobico l’ossigeno arriva ai muscoli impegnati nello sforzo e si ha grazie a: apparato cardiocircolatorio, sangue che trasporta l’ossigeno nelle fibre che hanno mioglobina e l’attività enzimatica aiuta la reazione chimica che dà energia al muscolo.
Nell’anaerobico lattacido il muscolo continua lo sforzo nonostante la presenza di acido l’attico.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Fisica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email