Ominide 1603 punti

Lancio del disco.

Introduzione:

In questo caso l’attrezzo utilizzato è un disco di legno con un bordo e un peso centrale di metallo, che per le donne pesa 1 kg con un diametro tra i 180 e i 182 mm e uno spessore tra 37 e 39 mm, mentre per gli uomini il peso è di 2 kg, il diametro tra i 219 e i 221 mm e lo spessore tra 44 e 46 mm.
La pedana entro la quale l’atleta esegue la prova è circolare, con un diametro interno 2,50 m dotata di una robusta gabbia, a forma di U, che la circonda onde assicurare l’incolumità degli spettatori, degli ufficiali di gara e degli altri concorrenti.
Il settore di lancio è di 40 gradi, con il vertice coincidente con il centro della pedana.
Il lancio è nullo se l’atleta durante il lancio o la fase di volo tocca il bordo della pedana o esce dalla stessa (cosa possibile se non si riesce a controllare lo slancio).

Il lancio è valido se l’attrezzo cade completamente entro i margini interni delle linee bianche delimitanti il settore di caduta.
Inoltre per convalidare il lancio il concorrente non può lasciare la pedana fino a quando il disco non ha toccato terra e deve uscire dal semicerchio posteriore immediatamente dopo.
Ogni atleta ha sei lanci a disposizione; vince che scaglia l’attrezzo più lontano.

Il gesto tecnico:

Per effettuare un lancio, il concorrente si posizione in fondo alla pedana circolare voltando le spalle al settore di lancio, esegue un paio di torsioni da fermo, poi inizia la fase rotatoria e, dopo un giro e mezzo, rilancia il disco.

L’allenamento:

E' opportuno che l'atleta esegua al più presto l’azione tecnica e correggendo eventuali errori.
Il disco va sostenuto solo con le ultime falangi delle dita, appoggiato alla base della mano e stabilizzato con il pollice.
Per meglio acquisire la padronanza, sarà opportuno svolgere esercizi di sensibilizzazione con il disco, esercizi preparatori per la partenza e la rotazione, ed infine studiare la posizione di appoggio finale sull’avampiede destro.
Le spalle non devono anticipare la rotazione delle anche ed il busto dovrà essere ben bilanciato e con un’efficace azione di “puntello” della gamba che fa da perno.

Registrati via email