Ominide 1603 punti

Corsa: 1500, 5000, 10000 m, 3000 m siepi.

Introduzione:

Come negli 800 metri, la partenza è senza blocchi, ma gli atleti sono in gruppo e non separati nelle corsie e ognuno può scegliere immediatamente la corsia preferita (generalmente la più interna).
Siepi: i corridori devono superare ostacoli più impegnativi di quelli normali, alti 91, 4 cm.
Dietro a un ostacolo si trova una fossa quadrata si 3, 66 m di lato e alta 70 cm piena d’acqua.
La gara è lunga 3.000 m.

Il gesto tecnico:

In queste gare la velocità perde progressivamente di importanza a favore della resistenza.
Il lavoro muscolare è sempre di più aerobico in modo da consentire al fisico di recuperare energie durante la gara stessa.

Nella gara dei 10.000 m il lavoro muscolare aerobico è pari allì 80%, quello anaerobico lattacido e del 15 % e solo del 5 % quello anaerobico alattacido.

L'allenamento:

Il fartlek è una corsa con variazioni di ritmo, che all’inizio erano spontanee, dovute alle asperità presenti sul percorso, ma che oggi vengono programmate artificialmente.
Esiste il fartlek con lunghe variazioni di ritmo, il cui obiettivo è di incrementare la velocità di soglia anaerobica; l’intensità delle singole variazioni non deve essere elevata.
Nel fartlek con brevi variazioni, al contrario, l’intensità dello sforzo sarà maggiore, con l’obiettivo di elevare rapidamente la frequenza cardiaca, migliorando la capacità cardiocircolatoria.
Questo abitua anche il fisico a recuperare energie, pur non interrompendo lo sforzo.

Registrati via email